ITALIANI E SVEDESI INSIEME PER IL PANNELLO RICICLABILE AL 100%

ITALIANI E SVEDESI INSIEME PER IL PANNELLO RICICLABILE AL 100%

70
CONDIVIDI

Senza l’uso di silicio e di Etil-vinil acetato

Dalla collaborazione fra Italia e Svezia è nato il modulo fotovoltaico al 100% riciclabile senza l’impiego di silicio né Eva (Etil-vinil acetato). Il nuovo prodotto è stato creato grazie al lavoro congiunto dell’italiana P.Energy, azienda di automazione industriale nel settore fotovoltaico da dieci anni specializzata nella fornitura di impianti completi per la produzione di pannelli solari, con una start-up svedese Midsummer Ab, che si occupa dello sviluppo di tecnologie per la deposizione di film sottili.
L’idea si fonda sul deposito di un sottile strato di film Cigs (Copper indium gallium selenide) su celle di acciaio. II Cigs è una tecnologia già usata per pannelli a film sottile e l’innovazione consiste nella sostituzione di costosi processi di deposizione su grandi superfici con una più piccola di una cella fotovoltaica standard (156 x 156 millimetri). Il cuore dell’innovazione sta proprio nel processo di assemblaggio. Per comporre il pannello, infatti, è stato realizzato un nuovo macchinario per la saldatura delle celle Cigs, mentre per la laminazione del vetro ultrasottile è stato ideato un nuovo processo di laminazione “inverso” per produzioni su larga scala. P.Energy ha poi sviluppato il design innovativo del modulo finale basato su un mix di materie prime rinnovabili al 100 per cento e ri-utilizzabili. Le celle in Cigs sono, quindi, incapsulate in un film termoplastico che garantisce l’adesione al vetro e l’isolamento dagli agenti atmosferici per 30 anni.
Questo materiale non solo migliora le performance rispetto a quelli standard (come l’Eva, Etil-vinil acetato) ma, soprattutto, non ha acidi acetici e permette la reversibilità del processo ad alte temperature. Questo significa che, nel momento di “fine vita” del pannello, è possibile ri-aprirlo e riutilizzare tutti i materiali (vetro, alluminio, metalli, celle etc.) con un impatto ambientale praticamente nullo.

Commenti

commenti