ORSI NELLA PROVINCIA DI LECCO? “GLI AVVISTAMENTI SONO CREDIBILI”

ORSI NELLA PROVINCIA DI LECCO? “GLI AVVISTAMENTI SONO CREDIBILI”

69
CONDIVIDI
brown_bear_ursus_arctos_arctos_running.jpg

Tra la Valsassina e la Valvarrone

Ci sono gli orsi tra la Valsassina e il Valvarrone, nel lecchese? “Gli avvistamenti di orsi sono plausibili – spiega Pietro Gatti, referente del progetto Ue ‘Life Arctos’ per la Provincia di Lecco – ora sono in corso delle verifiche tecniche, ma non c’è nulla di cui avere paura, questi animali non sono una minaccia per l’uomo”. Gatti si riferisce ai due avvistamenti a Ballabio e in Valvarrone risalenti a venerdì scorso. “La prima cosa da spiegare – sottolinea Gatti al quotidiano “Il Giorno” – è che questi plantigradi non rappresentano un pericolo per gli esseri umani, sono animali che rifuggono generalmente l’uomo, non si registrano casi di aggressione da parte di orsi europei per cui non bisogna avere nessun timore in merito alla sicurezza”.
Gatti si occupa del progetto dell’Unione europea che intende tutelare l’orso tramite anche l’informazione e la sensibilizzazione. Gli orsi sono stati reintrodotti in Trentino una dozzina di anni fa dopo che alcuni esemplari sono stati prelevati in Slovenia. E questi ultimi avvistamenti sono certamente di animali provenienti dal Trentino: i figli o i nipoti dei primi esemplari portati in Italia e che ora si stanno spostando.
Lo stesso Gatti, dopo i sopralluoghi nei punti degli avvistamenti, spiega: “Nel caso di Ballabio abbiamo riscontrato dei graffi sul cancello indicato dal testimone e abbiamo prelevato alcuni peli che ora sono stati inviati ad analizzare per verificare se si tratta di un orso, sono inoltre state individuate alcune tracce ma troppo confuse. Stessa cosa – continua – anche in Valvarrone, in località Roncacci. Abbiamo verificato, con la polizia provinciale, che nella zona indicata dal testimone c’è stato un passaggio di un grosso animale. Non sono stati però recuperati peli o trovate impronte ben definite. Gli avvistamenti sono comunque da considerare plausibili”.
Ora, per avere la certezza che si tratti di un orso, saranno determinanti le analisi sui peli recuperati a Ballabio, e bisogna capire se le tracce di Ballabio e della Valvarrone appartengono ad uno o più esemplari.

Commenti

commenti