USA, PETA: PROTESTA CONTRO IL CIRCENSE CHE PICCHIA LA TIGRE

USA, PETA: PROTESTA CONTRO IL CIRCENSE CHE PICCHIA LA TIGRE

84
CONDIVIDI
tigri_bracconieri01_bf1a821f.jpg

Il gesto violento parte del “normale” addestramento

Il violento addestratore Michael Hackenberger probabilmente spera che il pubblico semplicemente dimentichi il video della Peta che lo ritrae mentre frusta con cattiveria una tigre siberiana di nome uno circa 20 volte consecutive in una sessione di addestramento. Ma questo non avverrà. Per la seconda volta in meno di una settimana i cittadini raccolti all’esterno del parco zoologico di Bowmanville, di proprietà di Hackenberger, si sono raccolti per protestare contro gli abusi e chiedere di porre fine all’uso di animali esotici per l’intrattenimento. Le persone accorse all’evento hanno anche diffuso un appello ai genitori perché non portino i propri figli allo zoo o ai circhi. Gli animali costretti ad esibirsi per il discutibile diletto degli spettatori sono infatti strappati ai loro familiari, picchiati, incatenati, chiusi in gabbia, senza cure veterinarie e senza la possibilità di tornare mai più nel loro habitat naturale. Possiamo fermare le sofferenze delle tigri come Uno evitando di andare ad alcun evento che costringe gli animali ad esibirsi e optare invece per circhi in cui si esibiscono solo gli uomini.

Commenti

commenti