DA BOLIVIA E PERÙ 500 MILIONI DI DOLLARI PER BONIFICARE IL TITICACA

DA BOLIVIA E PERÙ 500 MILIONI DI DOLLARI PER BONIFICARE IL TITICACA

78
CONDIVIDI
titicaca lake.jpg

Il lago ha raggiunto livelli di inquinamento intollerabili

Bolivia e Perù hanno firmato un accordo a La Paz per investire 500 milioni di dollari nel corso del prossimo decennio per bonificare il lago Titicaca, nel cuore delle Ande, dove l’inquinamento ha raggiunto livelli tali da minacciare l’esistenza stessa del lago sacro agli Incas. L’intesa è stata siglata dalla ministra per l’Ambiente boliviana, Alexandra Moreira, e quello peruviano, Manuel Pulgar, che hanno precisato che alcune azioni concrete sono state già intraprese, come “investimenti nelle aziende di depurazione e trattamento delle acque”. L’inquinamento del lago Titicaca, che si trova a 3.800 metri di altezza al confine tra i due paesi, si ripercuote pesantemente sulla vita quotidiana degli abitanti della zona e delle residue comunità di indios, la cui sussistenza è basata sulla pesca, e sull’habitat di diverse specie animali, come rane e uccelli, oltre che naturalmente di tutta la fauna ittica. La causa principale dell’inquinamento del lago navigabile più alto del mondo è lo sviluppo, abnorme e repentino, della città boliviana di El Alto, che si trova a oltre 4mila metri e che ospita ormai più di due milioni di abitanti. Da qui parte il Rio Seco che getta nel lago Titicaca qualsiasi sorta di rifiuti organici e industriali. Situazione analoga si registra anche sul versante peruviano dalla cittadina di Puno con oltre 200mila abitanti.

Commenti

commenti