RICERCA TEDESCA, ERA GLACIALE FRA 100MILA ANNI CAUSA INQUINAMENTO

RICERCA TEDESCA, ERA GLACIALE FRA 100MILA ANNI CAUSA INQUINAMENTO

68
CONDIVIDI
icebergnasa.jpg

Dimostrata interferenza umana sulle ere geologiche

L’umanità è diventata una forza geologica capace di sopprimere l’inizio della prossima era glaciale, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature. Gli scienziati del Potsdam Institute for Climate Impact Research hanno trovato la relazione fra l’insolazione e la concentrazione di CO2 nell’atmosfera è in grado di spiegare gli otto scorsi cicli glaciali della storia della Terra. Allo stesso tempo i loro risultati illustrano che anche moderate interferenze umane nel naturale bilancio della quantità di carbonio potrebbe ritardare di 100mila anni la prossima glaciazione. “Anche senza cambi climatici causati dall’uomo ci aspetteremmo l’inizio di una nuova era glaciale fra non meno di 50mila anni da adesso, che rende l’Olocene, l’attuale era geologica, un periodo inusualmente lungo fra ere glaciali”, spiega il capo autore Andrey Ganopolski. “Il nostro studio sottolinea però come anche emissioni relativamente moderate di CO2 derivanti da combustibili fossili e gas potrebbero essere sufficienti a ritardare di altri 50mila anni la prossima era glaciale. È sbalorditivo come il genere umano sia in grado di interferire con un meccanismo naturale che ha formato il mondo come lo conosciamo”. “Come nessun altra forza sul pianeta, le ere glaciali hanno modellato l’ambiente e determinato di conseguenza lo sviluppo della civilizzazione umana. Ad esempio dobbiamo la fertilità del suolo alla scorsa era glaciale che ha modellato i panorami di oggi, lasciandoci ghiacciai e fiumi, formando fiordi, morene e laghi. Tuttavia oggi è il genere umano che, con le sue emissioni da combustibili fossili, determina il futuro sviluppo del pianeta” dice il co autore della ricerca e direttore del PIK Hans Joachim Schellnhuber.

Commenti

commenti