ENPA A REGINA ELISABETTA, "ECCO LA VERITÀ SUL PALIO DI SIENA"

ENPA A REGINA ELISABETTA, "ECCO LA VERITÀ SUL PALIO DI SIENA"

79
CONDIVIDI
siena.png

L’associazione ricorda le storie di cavalli morti o feriti

“Maesta’, da piu’ parti, le stesse che in questi giorni hanno declinato la presenza alle celebrazioni per il Suo compleanno, Le e’ stato rivolto l’invito a visitare Siena per assistere di persona al palio. Sulla questione e’ intervenuta persino una cantante, molto nota in Italia, che si e’ cimentata in un vero e proprio panegirico della manifestazione, celebrando tra l’altro il presunto amore dei contradaioli per gli animali. Mi permetta, Maesta’, di raccontarLe un’altra realta’. Mi permetta, Maesta’, di raccontarLe la realta’ che si cela dietro i ‘lustrini’ del Palio; una verita’ che gli apologeti della manifestazione malvolentieri ricordano e di cui nelle parole a Lei indirizzate non c’e’ alcuna traccia. Dal 1970 ad oggi, lo ‘stato della mente’ di cui parla la nostra cantante e’ costato la vita a circa 50 cavalli, sette dei quali soltanto negli ultimi 15 anni. L’ultimo ‘caduto’ era una cavalla. Si chiamava Periclea ed e’ stata abbattuta lo scorso giugno dopo essere rimasta gravemente ferita nelle batterie del Palio”. Cosi’ la presidente nazionale di Enpa, Carla Rocchi in un appello alla regina Elisabetta II, che ha come tema proprio il il Palio di Siena. In particolare, l’Enpa sottolinea come in un simile scenario non si possa parlare di incidenti. L’incidente infatti e’ un evento imprevisto dovuto il piu’ delle volte a un concorso di fattori imponderabili; questo non ha nulla a che vedere con la tragica regolarita’ delle morti di Siena. Cio’ significa che, per quante contromisure si possano adottare, e’ il Palio in se’- come tutte le altre manifestazioni simili- a rappresentare un pericolo per l’incolumita’ degli animali. “Da cittadina italiana e da presidente della piu’ grande e antica associazione animalista italiana, che ha nel suo Dna anche un po’ di sangue britannico poiche’ la nostra prima presidente e’ stata la suddita della Corona Anna Winter, La prego di accettare i miei migliori auguri”, conclude Rocchi. L’appello di Enpa e’ anche una petizione su Avaaz, che puo’ essere sottoscritta a questo indirizzo: http://urlin.it/14005f Cosi’ in un comunicato l’Enpa.

Commenti

commenti