BOLOGNA, ARRIVA IN AEROPORTO CON PELLI DI COCCODRILLO E PITONE

BOLOGNA, ARRIVA IN AEROPORTO CON PELLI DI COCCODRILLO E PITONE

166
CONDIVIDI
coccodrilli.jpg

Arrestato un senegalese per contrabbando

Nel bagaglio nascondeva pelli intere di coccodrillo e di pitone, alcune lunghe fino a 5 metri. Il trafficante di pelli di animali protetti e’ un cittadino senegalese, intercettato e denunciato all’aeroporto Marconi di Bologna dagli addetti dell’ufficio Dogane insieme al Corpo Forestale dello Stato. Era in arrivo dalla Guinea, dopo uno scalo in Marocco, ed e’ stato trovato in possesso di 21 articoli vietati, fra pelli intere (lunghezza da 2 a 5 metri) e altri oggetti ricavati dalla pelle del coccodrillo e del pitone. La merce era sprovvista di documentazione che ne autorizzasse il trasporto. Si tratta di specie protette dalla Convenzione di Washington, il cui traffico e’ punito con una sanzione fino a 30.000 euro. Tutti i pezzi sono stati confiscati.

Commenti

commenti