LAV, SABATO 5/3 GRANDE FESTA DEL COMITATO "NO ZOO" A TORINO

LAV, SABATO 5/3 GRANDE FESTA DEL COMITATO "NO ZOO" A TORINO

80
CONDIVIDI

Sabato 5 marzo alle ore 15 avrà inizio l’evento “Aspettando la primavera. Festa al Parco Michelotti”. Intrattenimento per adulti e bambini fino alle 18:30 con musica, teatro, comicità, animazioni per bambini e giocoleria. L’iniziativa, promossa dal Coordinamento No Zoo, rappresenta una prima, simbolica riapertura dello storico parco torinese, contro ogni ipotesi di riapertura di un nuovo zoo, “bioparco” o “fattoria didattica”e di privatizzazione dell’area.

Come ribadito a più riprese nell’ultimo anno dalle associazioni e dai comitati animalisti e ambientalisti che compongono il Coordinamento No Zoo, che rappresentano i diecimila cittadini che hanno già sottoscritto la petizione per lo stop al progetto, i motivi della contestazione sono molteplici: di natura etica, sociale, urbanistica e paesaggistica.

Cresce nel frattempo l’attesa per la discussione in Consiglio Comunale della mozione sottoscritta da consiglieri di minoranza di diversi schieramenti, da destra a sinistra, che chiede sostanzialmente di bloccare l’aggiudicazione definitiva del parco al costituendo RTO composto dalle due società aggiudicatarie, Zoom Torino Spa e Zoom in Progress Srl, fino alla verifica ed analisi dei bilanci depositati relativi all’esercizio 2015, considerato che quelli al 31 dicembre 2014 evidenziano un indebitamento (al netto dei crediti) complessivo del gruppo (Spa+srl) di quasi 17 milioni di Euro. Se a questo indebitamento aggiungiamo che il risultato economico complessivo del gruppo aggiudicatario negli ultimi quattro anni (2011+2012+2013+2014), è di oltre 5 milioni di perdite è sensato che l’istituzione attui una verifica preventiva ben più approfondita sulla solvibilità del gruppo ZoomSpa+srl e che il reperimento entro i prossimi 5 anni (fine dei lavori prevista per il 2020) dei 15 milioni, presupposto indispensabile alla realizzazione del progetto, non sia tecnicamente impossibile . Diversamente riteniamo alto il rischio di ritrovarsi, dopo oltre trent’anni dalla chiusura dello zoo comunale, con il parco ancora deturpato da strutture incompiute ed edifici fatiscenti, che continuerebbero a rendere l’area inagibile e la sua fruizione proibita alla collettività.

Prima che la mozione venga discussa in Comune, il Coordinamento invita pertanto i cittadini all’evento di sabato pomeriggio per rivivere assieme il Parco Michelotti, seppure ancora simbolicamente e all’esterno dei cancelli, ancora serrati, per ribadire che i cittadini rivendicano la disponibilità di questo delizioso angolo verde sulle rive del Po senza dover pagare biglietti di ingresso, tantomeno per vedere nuovamente al suo interno animali prigionieri.

La festa sarà animata, tra gli altri, dalla musica della Bandragola Orkestar, dalla performance teatrale di Ciuski, autore dello spettacolo The Animal Machine, e dalla comicità di Diego dei Mammuth.

Commenti

commenti