TRIVELLE, ENPA SCEGLIE IL PESCIOLINO ARTURO COME TESTIMONIAL DEL "SÌ"

TRIVELLE, ENPA SCEGLIE IL PESCIOLINO ARTURO COME TESTIMONIAL DEL "SÌ"

76
CONDIVIDI
arturoenpa.jpg

Idrocarburi pericolo per la fauna marina

Si chiama “Arturo” ed è una grazioso pesciolino dalla livrea color oro e argento. E’ lui il testimonial scelto da Enpa per il rush finale della campagna referendaria, che, con il claim “Non resto muto” tirerà la volata fino a domenica 17 aprile. Sarà dunque lui, il piccolo “Arturo”, a rappresentare – in rete ma non solo – le creature del mare, che sono tra i principali beneficiari di una vittoria del Sì. “E’ ampiamente dimostrato – sottolinea l’Enpa – infatti, che le trivelle rappresentano un serio pericolo per la vita degli animali marini non solo a causa dell’estrazione degli idrocarburi e del rischio di sversamenti ad essa connessi ma anche per le attività di ricerca dei giacimenti. Infatti il vero e proprio martellamento connesso alle attività di prospezione dei fondali marini manda in tilt i sofisticatissimi (e fragilissimi) sistemi di orientamento dei cetacei che finiscono inevitabilmente per spiaggiarsi sulle coste. E per morire”. Ma c’è anche un altro motivo per il quale il pesciolino Arturo prende la parola. Lo fa per ricordare a tutti, e in particolare al nostro Governo, uno dei 195 partecipanti alla Conferenza sul clima di Parigi nonché uno dei sottoscrittori dell’accordo per un futuro senza combustibili fossili, che, “volenti o nolenti, gli idrocarburi appartengono al nostro passato e che il futuro, l’economia e l’occupazione sono oramai legati allo sviluppo delle energie verdi. Il Sì – conclude l’Enpa – è un voto per il progresso e per la scienza; un voto per mettere fuori gioco gruppi di potere lobby ancorati ad una visione del mondo vecchia e spesso protagonisti in negativo della nostra scena politica”.

Commenti

commenti