VENETO, LA GIUNTA DECIDE: IN OGNI SPIAGGIA UN'AREA DEDICATA AI CANI

VENETO, LA GIUNTA DECIDE: IN OGNI SPIAGGIA UN'AREA DEDICATA AI CANI

73
CONDIVIDI
canespiaggia.jpg

Il divieto d’accesso va precisato in modo chiaro

La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore al turismo Federico Caner, ha approvato le linee guida, valide per i Comuni costieri veneti, per la disciplina dell’accesso e della permanenza nelle spiagge dei cani accompagnati e degli altri animali d’affezione. Il provvedimento è conseguente alla recente approvazione della legge di stabilità regionale che modifica quella in materia di tutela degli animali d’affezione e prevenzione del randagismo. La normativa ora stabilisce che ogni Comune individui le spiagge in cui è vietato l’accesso agli animali, ma contemporaneamente preveda almeno un tratto di spiaggia nel quale sia consentito loro l’accesso e la permanenza nel rispetto delle normative igienico-sanitarie. Inoltre, deve essere identificato almeno uno specchio acqueo a uso pubblico, in sicurezza con apposito servizio di salvataggio, a cui gli animali accompagnati abbiano accesso delimitato da apposita attrezzatura galleggiante e segnalato da appositi cartelli multilingue. Analogamente, i concessionari o i gestori delle spiagge comunicano ogni anno al Comune le misure limitative all’accesso e alla permanenza degli animali nelle spiagge. ”Poniamo in tal modo rimedio a una querelle che si trascina da molto tempo – afferma Caner – Intendiamo, così, di rispettare le esigenze e le sensibilità di tutti, sia di chi ama ho addirittura ha la necessità di accompagnarsi agli animali d’affezione, sia di chi non desidera o non può condividere con essi i medesimi spazi negli arenili”.

Commenti

commenti