BOLOGNA, ALL'ASILO NIDO PARTE PER LA PRIMA VOLTA LA "PET EDUCATION"

BOLOGNA, ALL'ASILO NIDO PARTE PER LA PRIMA VOLTA LA "PET EDUCATION"

118
CONDIVIDI
canebimbetto.png

Il golden retriever Boris aiuterà i bimbi a crescere

“Bau, bau”. I bimbi del nido Graziella Fava di Bologna salutano a modo loro Boris. E’ il primo cane ad entrare in un asilo pubblico di Bologna e l’accoglienza e’ stata delle migliori. Carezze, timidi tentativi di approccio, grandi sorrisi per questo golden retriver, che per oltre mezz’ora, accompagnato dalla sua padrona-conduttrice, si e’ offerto docile e paziente alle goffe dimostrazioni di affetto di ‘coccinelle’ e ‘leprotti’. Il Fava e’ il primo nido comunale di Bologna a proporre ai bambini (medi e grandi) un progetto di ‘pet education’. Un’idea nata ‘dal basso’ con l’accordo di educatrici e genitori (tutti d’accordo, altrimenti non se ne sarebbe fatto nulla), che hanno deciso di partecipare al bando “Qualifichiamo insieme la nostra scuola”, ottenendo il contributo economico necessario all’avvio del percorso. Oltre ad ampliare il progetto avviato lo scorso anno centrato sull’educazione all’aperto, con il coinvolgimento diretto delle famiglie per l’allestimento di angoli del giardino con la collaborazione di associazioni o enti del territorio esperti in materia (Fondazione Villa Ghigi), l’obiettivo era introdurre un ulteriore elemento innovativo. Cosi’ e’ arrivato Boris. “Abbiamo inserito questo progetto nell’ambito di uno gia’ avviato sull’educazione all’aperto, per il quale le educatrici fanno formazione da due anni”, spiega la pedagogista Sara Di Fabrizio. “A Modena percorsi del genere sono gia’ diffusi nei nidi, per cui le educatrici si sono proposte per sperimentarlo anche da noi. Peraltro, le linee guida del Comune gia’ prevedono l’approccio agli animali domestici”, aggiunge. “Il bambino si approccia a questo tipo di esperienze con i cinque sensi e si identifica con l’animale in maniera immediata. Impara ad ascoltare, aspettare il proprio turno a capire le sue esigenze. In piu’, sentendosi capace di fare, sviluppa la propria autostima”, spiega Di Fabrizio. “E’ un progetto straordinario, soprattutto perche’ nasce da una sensibilita’ interna e si riesce a dare voce a chi vive dentro al nido, operatori e famiglie. E’ possibile che questa esperienza possa far nascere interesse in altre strutture, che possono replicarla se si integra nei  progetti che hanno gia’ avviato. Di certo, non sono cose che possono essere imposte dall’alto”, commenta l’assessore comunale alla Scuola, Marilena Pillati. “Dietro a queste esperienze c’e’ una grande professionalita’ e passione. Agli operatori va un plauso totale e un grazie alle famiglie. Mettere a disposizione degli questo progetto e’ un modo per costruire una qualita’ diffusa”, conclude, ricordando che in totale sono 117 i progetti di collaborazione Comune-genitori-associazioni arrivati dai nidi e dalle scuole d’infanzia di tutta la citta’.

Commenti

commenti