VERONA, SEQUESTRATI 24 GATTI PERSIANI VENDUTI ILLEGALMENTE

VERONA, SEQUESTRATI 24 GATTI PERSIANI VENDUTI ILLEGALMENTE

124
CONDIVIDI
gattopersiano oipa.jpg

L’intervento compiuto dalle guardie zoofile dell’Oipa

Venivano venduti online come pregiati cuccioli di gatto persiano, nella realtà erano però detenuti in condizioni inadeguate per la loro natura e produttive di gravi sofferenze. Questa la motivazione che nel novembre 2014 aveva portato le guardie zoofile OIPA di Verona a sequestrare 24 gatti ad una donna residente in un piccolo paese nelle vicinanze di Cerea (VR) e a denunciarla contestualmente per violazione dell’art.727 com. 2 del C.P.
I 24 esemplari, tra cui molti cuccioli, erano tenuti in un appartamento in condizioni igienico sanitarie disastrose, privi di giacigli, di luoghi per la raccolta di deiezioni idonei e con una quantità di acqua insufficiente per il numero di animali, oltre che con pelo incrostato di escrementi e gravi problemi oculari, intestinali e di respirazione. Sulla base di quanto osservato e del parere del veterinario della ULSS 21 di Legnago, gli animali vennero immediatamente posti sotto sequestro e affidati ai volontari della sezione OIPA di Verona e dell’associazione Tribù Animale onlus.
Nei giorni scorsi è arrivata la sentenza finale del tribunale di Verona che ha condannato la donna a pagare un’ammenda di € 1000 e confiscato gli animali, con completa cessione alle associazione che se ne sono prese cura fino ad ora sostenendo gli ingenti costi di cure veterinarie e mantenimento.
“Ringraziamo le forze di polizia, tra cui quella della Media pianura veronese, che ci hanno supportato nel salvataggio di questi animali – sottolinea Massimiliano D’Errico, coordinatore del nucleo di guardie zoofile OIPA Verona –. Le nostre attività di indagine e gli interventi diretti sono continui. Come conferma l’ultima operazione condotta insieme alla Guardia di Finanza contro l’importazione di cuccioli dall’Est Europa, i fronti aperti sono molti e siamo orgogliosi di essere in prima linea nell’ostacolare chi sfrutta e maltratta gli animali”.

Commenti

commenti