ROMA, COLONIA FELINA RECLUSA ALL'INTERNO DELLE MURA AURELIANE

ROMA, COLONIA FELINA RECLUSA ALL'INTERNO DELLE MURA AURELIANE

71
CONDIVIDI
gattiniscatolagela.jpg

Oipa: il Comune muove guerra alle gattare

“L’OIPA di Roma (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) denuncia la guerra aperta più o meno dichiarata, da parte degli uffici capitolini dei beni culturali. Prima il tentativo di sfratto della storica colonia felina di largo Argentina, poi si è passati ai gatti del mercato di Traiano nei Fori imperiali. In questi giorni è toccato alla colonia felina delle Mura Aureliane nei giardini in via Carlo Felice a San Giovanni. Una colonia di gatti accuditi da una ‘gattara’, è stata reclusa nelle mura ponendo una grata di ferro sul cancello che gli consentiva di passare dai giardini a ridosso delle mura. Dopo numerose proteste, addirittura con una petizione online che ha raccolto già migliaia di firme, qualcuno ha praticato un’apertura sulla grata per liberare i gatti rimasti prigionieri. L’OIPA protesta energicamente contro un atto di cattiveria pura e insensibilità ancora una volta dimostrata contro i mici romani, animali che da sempre abitano la città eterna e convivono con i monumenti, ne sono parte integrante presenti anche nelle foto e nelle cartoline in tutto il mondo”. Lo dichiara in una nota l’OIPA. ” “Le nostre guardie zoofile inviate immediatamente sul posto hanno accertato la presenza della grata sul cancello. Resta – dichiara nella nota Claudio Locuratolo dell’OIPA di Roma – il gesto incomprensibile crudele e impopolare come dimostra la protesta cittadina in atto che ha portato evidentemente a causa di forza maggiore per tutelare la vita dei gatti a tagliare una parte del reticolato. Chiediamo al commissario straordinario Francesco Paolo Tronca d’intervenire personalmente sulla sovraintendenza per far rimuovere immediatamente l’inutile e antiestetica grata”. “Il regolamento comunale di Roma a tutela degli animali approvato nel 2005 all’unanimità tutela la vita dei gatti delle colonie e riconosce come benemerita la figura tipicamente romana della ‘gattara’, Roma Capitale non può tradire le proprie leggi. Le guardie zoofile dell’OIPA – conclude la nota – continueranno la vigilanza a tutela della vita dei mici di Carlo Felice, se dovesse essere accertato qualche atto di crudeltà, i responsabili saranno segnalati immediatamente all’autorità giudiziaria”.

Commenti

commenti