AFRICA, BRACCONAGGIO UCCIDE IL 10% DEI GORILLA DI PIANURA OGNI ANNO

AFRICA, BRACCONAGGIO UCCIDE IL 10% DEI GORILLA DI PIANURA OGNI ANNO

109
CONDIVIDI
gorilla.jpg

Wwf: giro d’affari di 23 miliardi di dollari l’anno

Ogni anno il 10% della popolazione di gorilla di pianura scompare sotto i colpi del bracconaggio, il crimine che negli ultimi decenni in Africa ha contribuito di più al drammatico declino di questa specie, che in molte foreste africane è arrivato fino al 90%. Entro il 2032, secondo le stime del Wwf, sarà rimasto solo il 10% dell’habitat di tutti i gorilla e nei prossimi 10 anni i ‘re della foresta’ potrebbero addirittura scomparire da gran parte dei loro ambienti naturali. Tra avorio, pelli, corni di rinoceronti, animali da collezione e carne di savana (bushmeat), il mercato nero di natura alimenta un giro di affari illegale che nel mondo vale oltre 23 miliardi di dollari l’anno, un business che spesso finisce per finanziare conflitti armati. Vittime di questi criminali, i gorilla di pianura occidentale, considerati “critically endangered” secondo la triste Lista Rossa dell’Iucn (l’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura) che ne stima una popolazione di un massimo di 100.000 individui distribuiti tra Angola, Camerun, Repubblica Centrafricana, Congo, Repubblica Democratica del Congo Guinea Equatoriale e Gabon. Sempre secondo l’Iucn, questa sottospecie di gorilla è interessata da un trend di riduzione che ha condotto alla perdita dell’80% dell’intera popolazione. Il 60% è scomparso nel corso degli ultimi 20-25 anni. Nel Congo nord orientale ancora oggi il 5% della popolazione di gorilla di pianura occidentale viene ogni anno trucidata dai bracconieri per il commercio di carne e trofei.

Commenti

commenti