TAILANDIA, ACCUSE DI CONTRABBANDO PER IL TEMPIO DELLE TIGRI

TAILANDIA, ACCUSE DI CONTRABBANDO PER IL TEMPIO DELLE TIGRI

82
CONDIVIDI
tigri_bracconieri01_bf1a821f.jpg

Trovate pelli di felino pronte per essere vendute

Nuovi ritrovamenti nello sgombero del ‘tempio delle tigri’ in Thailandia fanno pensare a una elaborata operazione commerciale dedita al traffico di animali. All’uscita del sito, la polizia di Bangkok ha fermato oggi un camion che trasportava due pelli di tigre intere, altre parti di animali e centinaia di amuleti prodotti utilizzando pelli di tigre. Lo riferiscono i media thailandesi. In seguito alla scoperta, due membri dello staff del tempio Wat Pha Luang Ta Bua sono stati arrestati per possesso illegale di fauna selvatica. Un terzo uomo, un monaco che stava viaggiando con loro, sara’ arrestato dopo la prevista sospensione da parte delle autorita’ religiose buddiste nazionali. Il ritrovamento odierno giunge dopo quello di ieri, quando 40 carcasse di tigrotti appena nati sono state rinvenute in un congelatore all’interno del tempio nella provincia di Kanchanaburi, che prima dello sgombero – tuttora in corso – ospitava 137 esemplari, facendo pagare un biglietto d’ingresso ai turisti.

Commenti

commenti