TERMOLI (CB), MICROCHIP GRATIS PER COMBATTERE IL RANDAGISMO

TERMOLI (CB), MICROCHIP GRATIS PER COMBATTERE IL RANDAGISMO

97
CONDIVIDI
randagio.png

Finora la pratica è rimasta davvero poco diffusa

Sono circa 160 i cani che il 7 e 11 giugno prossimo riceveranno il microchip gratuito attraverso il progetto “Fido?uno di noi”, campagna di sensibilizzazione contro il randagismo, realizzata dalla Regione Molise e dal Comune di Termoli. I risultati dell’iniziativa sono stati presentati nel corso di una conferenza stampa che si e’ tenuta questa mattina in Comune a Termoli. Nicola Rossi direttore Uoc Sanita’ Animale Asrem, il veterinario Gabriella Giulietti, Antonello Sciarretta della Polizia Municipale e la Guardia zoofila Enpa, Simone Serroni hanno sottolineato l’importanza del microchip cosi’ come di effettuare una valutazione quando arriva una richiesta di catturare un randagio. L’assessore comunale all’Ambiente Filomena Florio ha invitato i proprietari di animali all’iscrizione all’anagrafe canina “perche’ attraverso questo strumento si garantisce il suo benessere e si sanciscono diritti e doveri del proprietario e dell’animale stesso”. L’assessore ha ripercorso le tappe del progetto a partire dalle linee di azione per regolarizzare le posizioni degli animali tenuti irregolarmente per poi passare all’azione di comunicazione attraverso il sito del Comune di Termoli con manifesti in diversi punti della citta’ e poi con la rilevazione a tappeto delle aree di campagna dove il randagismo e’ piu’ esteso. “Riteniamo soddisfacente il risultato ottenuto, almeno per questa fase” ha detto ancora la Florio. Il progetto prevede per la giornata del 7 giugno la microchippatura gratuita a domicilio nelle zone periferiche e campagne di Termoli, mentre l’11 giugno si terra’ la Giornata del microchip gratuito al Parco comunale. “A Termoli, fino ad oggi questa iniziativa, ha visto la risposta del meno del 6 per cento dei cittadini. Il nostro obiettivo e’ raggiungere la media nazionale cioe’ quella del 22 per cento” ha dichiarato Rossi dell’Asrem.

Commenti

commenti