OXFAM, CON CAMBIAMENTO CLIMATICO VA MUTATA L'INDUSTRIA ALIMENTARE

OXFAM, CON CAMBIAMENTO CLIMATICO VA MUTATA L'INDUSTRIA ALIMENTARE

94
CONDIVIDI
climasecco.png

Le multinazionali devono ridurre le emissioni nocive

L’industria alimentare che produce riso, soia, mais, grano e olio di palma, genera da sola una quantità di emissioni di gas serra superiore a quella prodotta da qualsiasi altro paese al mondo, ad eccezione di Cina e Stati Uniti. A rivelarlo è il nuovo dossier “A qualcuno piace caldo: così l’industria alimentare nutre il cambiamento climatico”, diffuso da Oxfam in occasione del Business and Climate Summit 2016, che riunirà oggi e domani a Londra, i rappresentanti delle grandi aziende, della finanza e delle istituzioni internazionali. Il dossier, che analizza il rapporto tra industria alimentare e cambiamento climatico, sottolinea infatti come le grandi aziende produttrici di queste cinque materie prime, assieme a molte altre, debbano ridurre drasticamente e al più presto la quantità di emissioni in atmosfera. A rischio infatti c’è prima di tutto il raggiungimento degli obiettivi chiave definiti nell’accordo di Parigi del dicembre scorso, ossia l’azzeramento delle emissioni entro la metà del secolo e il contenimento dell’aumento delle temperature entro 1,5 gradi centigradi. Due obiettivi che senza una immediata inversione di rotta sarà impossibile centrare.

Commenti

commenti