OLIMPIADI DI LONDRA, ANIMALISTI CONTRO LA CERIMONIA D'APERTURA

OLIMPIADI DI LONDRA, ANIMALISTI CONTRO LA CERIMONIA D'APERTURA

57
CONDIVIDI
trafalgar_square_park.jpg

Oltre 100 animali vivi nello scenario del regista Boyle

Le sei organizzazioni principali che difendono i diritti degli animali hanno scritto agli organizzatori delle Olimpiadi di Londra nel tentativo di convincere il regista Danny Boyle, responsabile della cerimonia d’apertura, a non usare animali vivi nel suo show milionario.

Le associazioni hanno avvertito che il comitato organizzatore può essere perseguito sulla base dell’Animal Welfare Act del 2006 se insisterà nel voler utilizzare più di 100 animali da cortile nella scena iniziale dello show. La legge vieta di provocare intenzionalmente eccessiva paura e sofferenza agli animali.

All’inizio di questo mese, Boyle ha detto che avrebbe collocato le scene iniziali in una “terra verde e piacevole”, un paesaggio agreste con aratri sui campi, che, nel prosieguo dello spettacolo (tre ore in tutto) cederanno il passo ad un contesto urbano.

Lo show, intitolato “Isles of wonder”, in riferimento ad un discorso di Calibano nella “Tempesta” di Shakespeare, prevede la presenza di animali vivi, tra cui 12 cavalli, tre mucche, due capre, 10 polli, 10 anatre, nove oche, 70 pecore e tre cani da pastore.

I sei gruppi animalisti- Animal Aid, Animal Defenders International, Captive Animals Protection Society, Compassion in World Farming, Peta e Viva – sostengono che per gli involontari protagonisti l’esperienza sarebbe “altamente stressante e probabilmente terrificante”.

Esporre gli animali a “più di 62.000 persone plaudenti, luci, livelli sonori elevati e l’atmosfera frenetica, e impedire loro di esercitare l’istinto naturale di allontanarsi o nascondersi”, sarebbe un’esperienza dolorosa. Undicimila firme sono state raccolte in una sola settimana per esortare gli organ izzatori ad “ascoltare la voce del pubblico”. Gli animalisti, secondo il “Guardian”, lamentano anche che la scena idilliaca di apertura darebbe un’impressione fuorviante del settore agricolo britannico e potrebbe pregiudicare i tentativi di superare i metodi di allevamento intensivo. L’appello si conclude con la richiesta di “non sfruttare gli animali per il divertimento in nome della nostra nazione.”
Il Comitato organizzatore ha promesso che lavorerà con la Royal Society per la protezione degli animali per garantire il benessere dei partecipanti. Intanto le proteste mettono in seria difficoltà sir Paul McCartney. Dovrebbe chiudere lui la cerimonia di apertura, ma è noto il suo impegno come testimonial della Peta.

Commenti

commenti