VIVISEZIONE, A CONCOREZZO IL PRIMO CENTRO DI RECUPERO PER CANI

VIVISEZIONE, A CONCOREZZO IL PRIMO CENTRO DI RECUPERO PER CANI

93
CONDIVIDI
beagle.jpg

Sarà ospitato nell’ex canile rifugio, secondo l’Enpa

Il primo centro di recupero per cani beagle utilizzati nei laboratori potrebbe diventare presto realtà. Ad annunciarlo la sezione provinciale di Monza e Brianza dell’Enpa, che ha già individuato nell’ex canile rifugio di Concorezzo la struttura idonea ad ospitare gli animali recuperati.
Gli ultimi dati disponibili parlano di oltre 830mila animalidi varie specie  impiegati nel 2009 in Italia per la sperimentazione. Solo una piccolissima parte riesce ad evitare la fine sui tavoli dei laboratori: non più di 8mila negli ultimi sette anni. Una volta fuori dal braccio della morte, comincia però il grosso del lavoro. Adattarsi ad una vita normale non è cosa da poco per questi animali che hanno conosciuto solo un’esistenza trascorsa in spazi angusti, senza luce naturale, alimentati artificialmente e senza poter apprendere le normali dinamiche della propria specie. A riprova che la sperimentazione non provoca solo sofferenza nel momento in cui l’animale è sottoposto al test, ma si può parlare, e a ragione, di violenza psicologica continua, che segna profondamente l’esistenza di queste creature. I tempi di riabilitazione variano a seconda della specie: da poche settimane per i roditori ad oltre sei mesi per i primati. Ma alcuni di loro non si abitueranno mai e per loro l’esistenza sarà segnata in modo irreversibile.
Dare una nuova vita agli animali destinati ad essere cavie da laboratorio non è quindi cosa da poco. Richiede molto lavoro, pazienza e dedizione. L’obiettivo finale è rendere possibile anche per loro un’adozione e trovare una famiglia che possa regalare la serenità che non hanno mai avuto.
L’opera delle associazioni animaliste è quindi preziosissima. ENPA sezione di Monza e Brianza sta provando a realizzare il sogno del centro di recupero per cani beagle utilizzati per la sperimentazione. A dividerli dal taglio del nastro un costoso intervento di ristrutturazione e adeguamento della struttura. Si moltiplicano gli sforzi per raccogliere i fondi. Il prossimo 7 luglio, alle ore 16, all’autodromo di Monza, è in programma il grande concerto per i diritti degli animali con ospiti di eccezione: Nomadi, Irene Fornaciari, Tonino Carotone ed Enzo Iacchetti. Il costo del biglietto è di venti euro. Il ricavato sarà destinato al nuovo centro di Concorezzo. Per informazioni www.enpamonza.it (Laura Colombo)

Commenti

commenti