GERMANIA, TROPPI ERRORI NEI MACELLI: ANIMALI ANCORA COSCIENTI

GERMANIA, TROPPI ERRORI NEI MACELLI: ANIMALI ANCORA COSCIENTI

61
CONDIVIDI
schlachthof-05.jpg

La risposta del governo ad un’interrogazione dei Verdi

Nei macelli tedeschi gli animali soffrono troppo spesso e inutilmente. Inrisposta ad una interrogazione presentata dal gruppo parlamentare dei verdi, il governo ha infatti reso noti dati assolutamente insoddisfacenti. La percentuale di errore nel processo di stordimento – si legge nella risposta – è tra il 10,9 e il 12,5 per i maiali, dal 4 al 9 per cento per i bovini. Anche nei macelli automatizzati l’errore rimane: nel 3,3 percento dei casi i maiali vengono inviati alla successiva fase di sgozzamento ancora coscienti. Non è quindi remota la possibilità che agli animali vengano recisi i vasi sanguigni quando sono ancora in sé, portandoli alla morte
per dissanguamento con enorme sofferenza. I verdi individuano nell’eccessiva velocità dei processi e nella scarsa qualificazione del personale le principali cause di queste statistiche negative. Gli impianti sono in grado di “lavorare” 750 maiali all’ora, uno ogni 5 secondi, e 80 bovini, uno ogni 45 secondi. Il dibattito su come ridurre gli errori e garantire maggior benessere agli animali nei macelli è aperto, ma le associazioni di protezione animale non paiono molto ottimiste e dubitano che il governo sia disposto ad adottare le necessarie misure. L’esecutivo ha infatti già rifiutato di riconoscere qualsiasi collegamento tra le inefficienze e l’organizzazione della
produzione (Laura Colombo; Foto: peta.de)

Commenti

commenti