UDINE, TRAFFICO DI CUCCIOLI. LAV SI COSTITUISCE PARTE CIVILE

UDINE, TRAFFICO DI CUCCIOLI. LAV SI COSTITUISCE PARTE CIVILE

63
CONDIVIDI
cucciolimonselice.jpg

La LAV si è costituita parte civile nel processo che si è aperto ieri presso il Tribunale di Udine a carico di otto persone, tra cui i titolari di due allevamenti, a Pocenia e a Remanzacco (Udine), e il titolare di un negozio di vendita di animali di Maniago (Pordenone).

Cinque i rinvii a giudizio: gli imputatati dovranno rispondere del reato di traffico illecito di animali da compagnia per aver introdotto, trasportato, ceduto e acquistato cuccioli di cane di varie razze provenienti dall’Ungheria privi di identificazione e della necessaria documentazione sanitaria, e spesso di età inferiore alle 12 settimane.

Due persone, la moglie del gestore e la collaboratrice di uno degli allevamenti coinvolti, hanno patteggiato rispettivamente 8 e 6 mesi di reclusione (pena sospesa e non menzione), mentre il collaboratore di un allevamento, ha presentato richiesta di messa alla prova

Tra gli altri reati contestati, oltre la frode in commercio per aver consegnato agli acquirenti cani di origine straniera anziché italiana come dichiarato, figurano il falso, l’uccisione e il maltrattamento di animali.

 

Secondo l’accusa i cuccioli erano trasportati all’interno di mezzi non abilitati, detenuti in gabbie o box in condizioni igieniche pessime, tra gli escrementi e spesso al freddo, con poco cibo e acqua. In alcuni casi le condizioni di detenzione degli animali, peraltro già sottoposti a sequestro, sarebbero state davvero drammatiche: privi di riscaldamento, senza o con poca acqua congelata, alcuni avrebbero presentato un principio di congelamento, altri sarebbero stati trovati in stato di denutrizione, altri ancora avrebbero subito operazioni chirurgiche, spesso senza anestesia.

L’indagine, scattata nel 2013 e condotta dal Corpo Forestale dello Stato del Friuli Venezia Giulia in coordinamento con la Procura della Repubblica, ha portato anche alla contestazione del reato di abuso della professione veterinaria a carico di due imputati, per aver somministrato medicinali e vaccini agli animali detenuti presso l’allevamento o ceduti a terzi, inoculato microchip e praticato operazioni quali il taglio della coda e delle orecchie.

“Si tratta di un caso decisamente importante, sia per il numero degli imputati coinvolti sia perché da un lato mostra le dinamiche del malaffare che si nascondono dietro la tratta dei cuccioli e dall’altro le tante sofferenze cui sono sottoposti questi animali durante il trasporto e prima della vendita. Sofferenze che ne possono causare anche la morte, come nel caso del bulldog inglese introdotto dall’Ungheria che secondo l’accusa avrebbe contratto la parvovirosi a causa delle condizioni di viaggio e di detenzione, che avrebbero concorso o determinato a concorrere l’insorgenza della patologia stessa.” – dichiara Ilaria Innocenti, responsabile dell’area Animali Familiari LAV e autrice assieme alla giornalista Macri Puricelli del libro “La fabbrica dei cuccioli. Fermiamo il traffico internazionale: l’amore non si compra”.

La LAV ringrazia il Corpo Forestale dello Stato del Friuli Venezia Giulia per le indagini e le operazioni che hanno permesso questo importante processo e l’avvocato Maddalena Bosio del foro di Udine per l’assistenza legale fornita.

Commenti

commenti