SUDAFRICA, BRACCONIERI FANNO RAID IN ORFANOTROFIO DEI RINOCERONTI

SUDAFRICA, BRACCONIERI FANNO RAID IN ORFANOTROFIO DEI RINOCERONTI

1011
CONDIVIDI
rino.jpg

È stata una vera e propria azione organizzata e pianificata con una crudeltà che faceva pensare a un attacco terroristico. È mezzanotte al Thula Thula Rhino Orphanage di KwaZulu-Natal, in Sudafrica. Sette bracconieri penetrano nella struttura puntando diretti a Gugu e Impi, due cuccioli di rinoceronte già orfani di adulti ammazati dai bracconieri. Come riferiescono Bbc e Corriere.it al primo viene freddato e mutilato all’istante mentre all’altro strappano il corno da vivo, lasciandolo in agonia fino all’alba quando si decide d’abbatterlo per risparmiarli altre sofferenze. Ma la furia dei bracconieri non si ferma ai rinoceronti. I sette picchiano infatti le guardie (una è all’ospedale con gravi lesioni) per poi mettere al muro i volontari e fare violenza di gruppo a una studentessa svedese ventenne ricoverata sotto choc. Secono le autorità si è trattata di una vera e propria azione intimidatoria di stampo mafioso. Il concetto che i bracconieri volevano far passare? “State alla larga da noi e lasciateci delinquere in santa pace”.

Commenti

commenti