FIANO ROMANO (RM), SEQUESTRATI CANI ALIMENTATI CON ZAMPE DI GALLINA

FIANO ROMANO (RM), SEQUESTRATI CANI ALIMENTATI CON ZAMPE DI GALLINA

216
CONDIVIDI

“Le Guardie Zoofile del nucleo provinciale di Roma dell’OIPA (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) sono intervenute a Fiano Romano dove in un terreno erano detenuti alcuni cani legati a catena corta, senza acqua e senza adeguato riparo dalle intemperie, esposti al caldo torrido dell’estate e al gelo invernale, il cibo somministrato consisteva perlopiù in zampe di gallina crude”. Così in una nota l’Oipa. “Una brutta vicenda di maltrattamenti durata molti mesi, si è conclusa con il sequestro preventivo dei cani disposto dal GIP di Rieti ed eseguito dalle Guardie Zoofile dell’OIPA e con l’avviso di chiusura delle indagini preliminari nei confronti di K.A. di 36 anni, indagato per detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e causa di grave sofferenze previsto dall’art.727 del Codice penale e per il reato di cui all’art. 334 del codice penale per sottrazione di beni sottoposti a sequestro penale, reati per i quali rischia fino a 3 anni di reclusione – si legge nel comunicato – Molto tempo purtroppo si è perso nella ricerca di un luogo dove trasferire i cani sottoposti a sequestro, il rifiuto della Asl Roma 4 e del Comune di Fiano Romano ad accogliere i cani, ha causato un forte e grave ritardo esponendo così gli animali a vari rischi. I cani sono stati trasferiti a cura delle Guardie Zoofile dell’OIPA in custodia giudiziaria ad un’associazione nominata dal Tribunale di Rieti”.

Molto tempo purtroppo – prosegue Oipa – si è perso nella ricerca di un luogo dove trasferire i cani sottoposti a sequestro, il rifiuto della Asl Roma 4 e del Comune di Fiano Romano ad accogliere i cani, ha causato un forte e  grave ritardo esponendo così gli animali a vari rischi. I cani, due giovani esemplari di un anno e mezzo, sono stati trasferiti a cura delle Guardie Zoofile dell’OIPA in custodia giudiziaria all’associazione LAV – Lega Antivivisezione nominata dal Tribunale di Rieti. I due cani – chiamati Wendy e Peter – sono stati immediatamente rifocillati, sottoposti ad accurata visita veterinaria e affidati all’educatore cinofilo LAV per superare le difficoltà d’interazione manifestate al momento dell’acquisizione della custodia. Grazie a tale attività Wendy è stata inserita in una splendida famiglia, per Peter LAV cerca persone speciali disposte ad accoglierlo nelle proprie vite e ad aiutarlo a dimenticare i brutti ricordi. Per informazioni scrivere a: adozioni@lav.it

[wpdevart_youtube]CAWZhrEg6BQ[/wpdevart_youtube]

Commenti

commenti