EPILESSIA DEL CANE, ANMVI: FARMACIE NON NEGHINO FARMACO SALVAVITA

EPILESSIA DEL CANE, ANMVI: FARMACIE NON NEGHINO FARMACO SALVAVITA

535
CONDIVIDI
vet.jpg

Si moltiplicano le segnalazioni dei Medici Veterinari lasciati in condizioni di vuoto terapeutico: le farmacie che non consegnano il Fenobarbitale, negando continuità di terapia a pazienti animali affetti da cronicità (epilessia) ed esponendo questi ultimi a gravi rischi di salute, anche letali. E’ quanto riferisce una nota l’Associazione Nazionale Medici Veterinari (ANMVI).

ANMVI si rivolge a Federfarma e alla Federazione degli Ordini dei Farmacisti (FOFI) denunciando l’inverarsi di un ingiustificato e irresponsabile vuoto terapeutico. L’Associazione chiede la corretta applicazione della norma sull’uso in deroga dei medicinali, invitando le rappresentanze dei farmacisti a rettificare eventuali comunicazioni inoltrate alle farmacie in merito ad una prossima specialità veterinaria e a dare disposizioni di pronta consegna del prodotto disponibile nell’immediato.

Il nuovo prodotto veterinario risulterà nella disponibilità sui banchi delle farmacie con data probabile 31 marzo 2017. In questo frangente, dovendosi evitare ogni interruzione di fornitura in favore dei pazienti animali e ogni interruzione di servizio reso dalle strutture veterinarie autorizzate, ANMVI rende noto che sosterrà – nelle opportune sedi – eventuali azioni da parte di Medici Veterinari i cui pazienti avessero da subire conseguenze per la mancata somministrazione di terapie urgenti e continuative per l’epilessia nel cane.

Commenti

commenti