LECCO, GUARDIE ZOOFILE “SPEZZANO” LE CATENE A TRE CANI

LECCO, GUARDIE ZOOFILE “SPEZZANO” LE CATENE A TRE CANI

136
CONDIVIDI

Dopo aver vissuto per anni legati a catene arrugginite, probabilmente fin da quando erano solo dei cuccioli, un fox terrier di 9 anni, un meticcio di 8 e un pastore tedesco di 5 sono stati liberati dalle Guardie eco zoofile dell’OIPA di Lecco grazie al nuovo Regolamento Regionale del 13 aprile 2017 (L.R. 33/2009, Art. 6, comma 6, capo 2) che sancisce il divieto di detenzione di cani a catena in tutta la Lombardia.

I tre cani, detenuti all’interno di una proprietà sita in località Brivio, provincia di Lecco, erano privi di riparo dal sole e dalla pioggia, costretti a giacere tra i loro stessi escrementi e privati non solo della possibilità di muoversi oltre l’angusto spazio che gli era concesso,  ma anche della possibilità di comunicare tra di loro, legati tutti e tre lontani l’uno dall’altro.

Dopo ripetuti sopralluoghi e precise prescrizioni impartite al proprietario, cui sono state comminate elevate sanzioni per la detenzione a catena, i tre cani sono stati liberati e dotati di uno spazio idoneo coperto con cucce e coperte morbide a disposizione, finalmente liberi di gironzolare per la proprietà, di crogiolarsi sull’erba fresca e riposare le membra oramai stanche da anni di prigionia. Così come impartito dalle guardie, i cani saranno inoltre sottoposti a visite veterinarie, alla toelettatura e al trattamento antiparassitario.

Commenti

commenti