BOLOGNA, CAMST: STOP A UOVA DA GALLINE IN BATTERIA

BOLOGNA, CAMST: STOP A UOVA DA GALLINE IN BATTERIA

368
CONDIVIDI
legebatterie-kaefighaltung-07.jpg

Cinque anni e le uova prodotte da galline in gabbia spariranno dai piatti di Camst. Lo annuncia il colosso bolognese della ristorazione collettiva, dopo aver ritirato ieri a Londra il premio Good Egg 2017, attribuitole da Ciwf- Compassion in world farming, proprio per l’impegno a eliminare le uova provenienti da galline allevate in gabbia. “Camst acquista ogni anno dai propri fornitori italiani, oltre 2 milioni di uova, di cui gia’ il 46% sono di origine biologica. Il confinamento in gabbia delle galline ovaiole e’ un sistema che pregiudica seriamente il benessere degli animali, limitando la loro possibilita’ di esprimere liberamente i propri comportamenti naturali, spiega Camst, che ritiene, invece, che soddisfare queste necessita’ sia essenziale per evitare inutili sofferenze agli animali e garantire loro migliori condizioni di vita. “Siamo molto orgogliosi di ricevere questo premio- assicura Francesco Malaguti, direttore acquisti- Camst ha adottato una politica di rispetto del benessere animaleall’interno di un percorso piu’ ampio, orientato alla qualita’, trasparenza esostenibilita’ ambientale, convinta che rappresenti un valore aggiunto per l’azienda e un beneficio concreto per la comunita'”.

Commenti

commenti