FRANCIA, MISERO TELECAMERE NEL MACELLO. ANIMALISTI A GIUDIZIO

FRANCIA, MISERO TELECAMERE NEL MACELLO. ANIMALISTI A GIUDIZIO

737
CONDIVIDI

Le modalita’ con cui vengono abbattuti gli animali da carne continuano a provocare polemiche in Francia: oggi davanti al tribunale di Versailles compariranno due militanti del gruppo animalista L214, accusati di essere entrati illegalmente nel mattatoio di Houdan, nella regione di Parigi, e di aver posizionato delle telecamere nascoste per filmare gli effetti del gas anidride carbonica utilizzato per stordire i maiali prima che vengano uccisi; una pratica controversa che i difensori dei diritti degli animali accusano di provocare terribili sofferenze. Secondo il quotidiano “Le Figaro”, il processo potrebbe subire una lunga sospensione a causa di una eccezione di costituzionalita’ sollevata dal collegio di difesa dei due militanti animalisti: se accolta dal tribunale, la questione dovra’ essere affrontata dalla Corte di Cassazione. Era stata infatti proprio la commissione parlamentare d’inchiesta sui mattatoi, presieduta dal deputato Olivier Falorni, a elaborare una proposta di legge che prevedeva l’istallazione di telecamere nei macelli per controllarne l’attività.

Commenti

commenti