DA UE 25,4 MILIONI DI EURO PER SPECIE A RISCHIO ESTINZIONE

DA UE 25,4 MILIONI DI EURO PER SPECIE A RISCHIO ESTINZIONE

43
CONDIVIDI
rinocerontenero.jpg

Dalla Danimarca alla Spagna, dall’Irlanda alla Bulgaria, l’Europa fa la sua parte per arginare gli effetti della “sesta estinzione di massa delle specie animali” e nei soli ultimi due anni, muove 25,4 milioni di euro nella conservazione degli habitat piu’ a rischio del Pianeta. Tra i cinque Continenti, a beneficiarne di piu’ e’ l’Africa, che nel biennio 2014 – 2016 ha intercettato il 42% dei fondi stanziati, con il rinoceronte che spicca tra le specie che hanno avuto bisogno del maggior supporto. A fare il punto sugli investimenti che i parchi zoologici d’Europa hanno profuso in situ (nell’habitat naturale degli animali) e’ Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva di Bussolengo e membro del gruppo di lavoro sulle scimmie antropomorfe della European Association of Zoos and Aquaria (EAZA), durante l’VIII Convegno Nazionale della Ricerca nei Parchi in corso a Bussolengo. “In Europa c’e’ un contingente di piu’ di 300 parchi zoologici che conosce e si fa carico delle necessita’ economiche dei progetti di salvaguardia delle specie a rischio estinzione”, commenta Avesani Zaborra. “I dati ufficiali d’investimento del biennio appena trascorso, ancora parziali ad aprile 2017, restituiscono l’immagine di un globo interamente coinvolto dalla perdita di biodiversita’, con il rinoceronte, il gorilla e i grandi felini in testa tra le specie piu’ supportate”.

Commenti

commenti