GREEN HILL, PRO-TEST: “ERA UNA STRUTTURA MODELLO”

GREEN HILL, PRO-TEST: “ERA UNA STRUTTURA MODELLO”

351
CONDIVIDI
tg canegreenhill.jpg

“Le sentenze si rispettano, anche se si possono criticare. Come Pro-Test Italia abbiamo seguito fin dalla prima udienza di primo grado la vicenda giudiziaria di Green Hill, rilevando e pubblicando diverse anomalie che hanno caratterizzato il procedimento. Prendiamo atto che per la giustizia italiana una struttura modello, con una delle più basse percentuali di mortalità e che donava ad associazioni dedite alle adozioni i beagle non più adatti alla ricerca, viene considerata criminale”. Così Pro-Test Italia, associazione che difende la necessità della sperimentazione animale, commenta la sentenza della Cassazione sull’allevamento bresciano. “E’ stata una battaglia culturale prima ancora di una battaglia processuale – aggiungono gli attivisti in una nota – Noi tuttavia pensiamo che in uno stato di diritto i tribunali dovrebbero limitarsi all’applicazione del diritto, senza fare battaglie culturali o politiche. Auspichiamo che la Corte europea, se interpellata, restituisca un po di buon senso a questa vicenda”.

Commenti

commenti