INDIA, AL BANDO L’USO DI ANIMALI NEL CIRCO

INDIA, AL BANDO L’USO DI ANIMALI NEL CIRCO

57
CONDIVIDI
elefantecirco.png

L’Autorità centrale zoologica (CZA) del Ministero dell’Ambiente, delle foreste e dei cambiamenti climatici (MoEFCC) dell’India ha messo al bando l’utilizzo degli animali selvatici da tutti i circhi del paese. Come riporta LaStampa.it si tratta di una decisione arrivata dopo controlli ripetuti negli anni che hanno fatto emergere la crudeltà a cui spesso vengono sottoposti gli animali nel circo. Dal 1998 – riporta sempre La Stampa – gli orsi, le scimmie, le tigri, le pantere e le tigri erano già state vietate dai circhi indiani, mentre, per esempio, gli elefanti erano rimasti fuori dal divieto e solo nel 2013 sono stati compresi. Ora tutti gli animali selvatici sono vietati. «Il processo di abolizione è stato condotto sulla base di una serie di indagini – spiega DN Singh, il segretario del membro della CZA -. I risultati emersi hanno registrato animali tenuti in condizioni crudeli, spesso senza adeguati ripari o controlli veterinari, e sono stati torturati per “migliorarne” le prestazioni. Alcuni dei proprietari di circhi hanno anche addirittura presentato fotografie truccate per cercare di sostenere che gli animali sono tenuti bene». Con questo bando l’India si è aggiunta all’elenco dei paesi (come Romania, Iran, Paesi Bassi e Regno Unito) e di alcune città statunitensi (come Los Angeles e New York) che hanno già adottato una legislazione che tuteli gli animali dal mondo circense.

Commenti

commenti