PIANO LUPO: RISPUNTANO GLI ABBATTIMENTI, MA RINVIATI

PIANO LUPO: RISPUNTANO GLI ABBATTIMENTI, MA RINVIATI

281
CONDIVIDI

Un blocco di due anni agli abbattimenti in deroga per ragionare alla luce di un monitoraggio della popolazione dei lupi su cui il ministero dell’Ambiente è pronto a impegnare 1,5 mln di euro fino al 2020. Queste alcune delle novità, a quanto apprende l’Adnkronos, previste nel nuovo piano di conservazione e gestione del lupo che potrebbe approdare a breve all’ordine del giorno della Conferenza Stato-Regioni. Intanto domani ne discuteranno, a Roma, gli assessori regionali all’agricoltura, settore particolarmente toccato dalla questione per via dei danni causati dagli attacchi alle aziende agricole. Il testo iniziale, che prevedeva una serie di azioni di conservazione, nei mesi scorsi, aveva scatenato l’ira delle associazioni ambientaliste e animaliste soprattutto per via della previsione di deroghe al divieto degli abbattimenti dei lupi seppur in casi di eccezionalità e su richiesta delle Regioni dopo una serie di prescrizioni e dopo un parere tecnico dell’Ispra. Le stesse Regioni si erano divise e l’accordo politico col governo era stato alla fine rinviato con una disponibilità al dialogo dal parte del ministero che avrebbe ora ‘ritoccato’ il testo per cercare un avvicinamento delle posizioni.

La proposta sarebbe quella di prevedere un blocco di due anni alla rimozione in deroga dei lupi dall’ambiente naturale per fare prima un monitoraggio dei lupi e una conta della popolazione esistente. Monitoraggio su cui, a quanto si apprende, il ministero dell’Ambiente è pronto a impegnare 1,5 mln di euro fino al 2020. La parola spetterà alle Regioni. Domani ne discuteranno, a Roma, gli assessori regionali all’agricoltura. Il tema passerà in un secondo momento con tutta probabilità all’esame degli stessi governatori. Bisognerà vedere se le modifiche al testo riusciranno a mettere d’accordo le Regioni: molti governatori, infatti, nei mesi scorsi avevano chiesto un vero e proprio stralcio della norma sugli abbattimenti.

Commenti

commenti