AFRICA CENTRALE, AVORIO IN CAMBIO DI ARMI. SANZIONI USA

AFRICA CENTRALE, AVORIO IN CAMBIO DI ARMI. SANZIONI USA

54
CONDIVIDI

Il dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha imposto delle sanzioni economiche nei confronti di due persone sospettate di contrabbandare denaro e avorio in cambio di armi ai miliziani dell’Esercito di resistenza del signore (Lra), gruppo ribelle di guerriglia di matrice cristiana attivo principalmente nel nord dell’Uganda, nel Sud Sudan, nella Repubblica democratica del Congo e nella Repubblica Centrafricana. In una nota diffusa nella serata di ieri, l’Ufficio del Tesoro per il controllo dei patrimoni esteri ha dichiarato di aver preso provvedimenti contro Okot Lukwang, di nazionalita’ ugandese, e Musa Hatari, di nazionalita’ sudanese, in collaborazione con i governi dei rispettivi paesi. Le sanzioni, cosi’ come quelle imposte lo scorso anno al leader dell’Lra, Joseph Kony, avranno l’effetto di bloccare con effetto immediato ogni transazione con qualsiasi cittadino o azienda sotto la giurisdizione degli Stati Uniti.

L’Lra, come altri gruppi armati, utilizza il commercio dell’avorio e il traffico di animali selvatici per finanziare le sue attivita’. Secondo le stime delle Nazioni Unite, il gruppo armato avrebbe ucciso oltre 100 mila persone e avrebbe rapito circa 60 mila persone dalla sua nascita, avvenuta nel 1987 nel nord dell’Uganda ad opera del sedicente “profeta” Joseph Kony. Quest’ultimo e’ stato condannato nel 2005 per crimini di guerra e crimini contro l’umanita’ dalla Corte penale internazionale (Cpi), ma lo scorso maggio le forze statunitensi e statunitensi hanno annunciato la chiusura della loro missione per la cattura dell’uomo. Il gruppo e’ stato respinto dal nord dell’Uganda e ora e’ attivo in un’area della giungla lungo il confine fra Sud Sudan, Congo e Repubblica Centrafricana.

Commenti

commenti