DIVIETO D’ACCESSO AI CANI, FIPE: NON LO DECIDE IL SINDACO

DIVIETO D’ACCESSO AI CANI, FIPE: NON LO DECIDE IL SINDACO

593
CONDIVIDI
Young man with labrador retriever in the cafe. Curious dog under the table with sweet waffles and coffee.

Non spetta alle amministrazioni comunali decidere se gli animali di compagnia possono entrare o meno in bar e ristoranti, a deciderlo sono esclusivamente gli imprenditori. E’ questa la posizione di Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, in merito al regolamento del Comune di Quincinetto in provincia di Torino che ha vietato l’accesso dei cani nei locali pubblici, anche se accompagnati dal padrone. ”Se si rispettano le condizioni di sicurezza, comprese quelle igienico-sanitarie – fa sapere il vice presidente vicario di Fipe, Aldo Mario Cursano – l’ingresso di cani in bar e ristoranti dipende esclusivamente dalla volonta’ degli imprenditori e dalla politica di relazione con il cliente che intendono perseguire. Si tratta di ribadire il principio di liberta’ che, nel rispetto delle norme, deve ispirare ogni iniziativa imprenditoriale”. Secondo Cursano quindi, ”non spetta alle amministrazioni comunali decidere se gli animali di compagnia devono essere ammessi o, al contrario, devono essere respinti, come ha stabilito un recente regolamento del Comune di Quincinetto in provincia di Torino”.

Commenti

commenti