USA, DUE CUCCIOLI GETTATI “PER GIOCO” TRA LE FIAMME

USA, DUE CUCCIOLI GETTATI “PER GIOCO” TRA LE FIAMME

75
CONDIVIDI
ll.jpg

Gli animalisti: condanna esemplare per un 28enne texano

Due cani lanciati in una buca con il fuoco acceso a Point, negli Usa. È questa la pesantissima accusa per crudeltà contro gli animali ai danni di un 28enne texano, Larry Lowery.
Uno dei cuccioli, secondo i testimoni tra cui una bimba di cinque anni, è morto bruciato vivo nel fuoco; l’altro si presume sia fuggito dalle fiamme e non è stato ancora trovato.
Stando alla denuncia fatta alle autorità di sicurezza, quattro uomini stavano bevendo alcol seduti attorno ad un falò. Ad un certo punto, uno di loro ha sfidato Lowery a gettare un cane randagio, che era lì vicino, nel fuoco. Il giovane, invece, si è difeso dicendo che stava allontanando il cucciolo, caduto tra le fiamme dopo aver perso l’equilibrio. Però si sarebbe vantato con altre persone di aver lanciato dentro il falò il secondo cane. Tra questi anche Fay Norris, la cui nipotina di cinque anni ha testimoniato di aver visto il primo cane buttato tra le fiamme.
Ai giornalisti americani Norris ha detto: “Era uno scherzo per lui. Continuava a bere e ha pensato che questa cosa fosse divertente”.
Nonostante nel Texas ci sia una legge che punisce il reato di crudeltà nei confronti degli animali, gli animalisti temono che Lowery potrebbe cavarsela con non più di una bacchettata sulla mano. Anzi, hanno paura del fatto che il giovane venga lasciato a piede libero. Per un paio di motivi: il 28enne si è difeso ammettendo di essere ubriaco e ha parlato di un incidente, ma anche per l’eventualità di incontrare un giudice insensibile agli abusi sulle bestiole.
Allora, gli animalisti hanno creato una petizione, in cui chiedono a 100.000 persone di prendere posizione contro l’orrendo atto di tortura e di perseguire Lowery secondo le leggi in vigore sulla crudeltà contro gli animali.
I due poveri cani randagi, protagonisti di questa tragedia, sono stati costretti ad una fine orribile. Che nessuno osa immaginare. E ora hanno bisogno di giustizia. Così come la piccola testimone di cinque anni corsa a piangere dalla nonna.
Norris ha detto ai giornalisti: “Solo un uomo con dei disturbi mentali può fare una cosa cosi crudele”. Non c’è dubbio. (Foto Wood County Sheriff’s Office)

Commenti

commenti