UN VOTO PER CAMBIARE

UN VOTO PER CAMBIARE

915
CONDIVIDI

Cari (e)lettori,
si conclude oggi la campagna per quelle che qualcuno ha definito “le elezioni più importanti degli ultimi 25 anni”. Noi del Movimento animalista ci saremo, “ospiti” nelle liste di FI, dopo l’accordo che abbiamo stretto con il presidente Silvio Berlusconi.
Grazie a questo accordo, che ci impegna solo per la presente tornata elettorale, abbiamo la possibilità di eleggere “gente nostra”, attiva da sempre nella difesa dei diritti degli animali. Alla Camera sono ricandidata io, nel collegio uninominale di Abbiategrasso (MI), nel plurinominale di Lombardia 1 e Lombardia 3: BASTA METTERE UN SEGNO SUL SIMBOLO DI FORZA ITALIA. Alle regionali sono candidati in Lombardia Manuela Gigante, Samuele Mazza e Simone Pavesi (circoscrizione di Milano) e in Lazio Rinaldo Sidoli (circoscrizione di Roma). In questo caso, OLTRE AL SEGNO SUL SIMBOLO DI FORZA ITALIA, OCCORRE SCRIVERE SULLA SCHEDA IL NOME DEL CANDIDATO, O DEI DUE CANDIDATI (SOLO SE SONO DI SESSO DIVERSO) PRESCELTI.
Non perdiamo di vista l’essenziale: il presidente Berlusconi è l’unico protagonista nel panorama politico italiano che ha avuto il coraggio di far propri, con energia e chiarezza, gli obiettivi programmatici che più ci stanno a cuore. Un governo a guida Forza Italia, o nel quale Forza Italia abbia peso decisivo, chiederà nei primi cento giorni una delega per il riordino e la codificazione delle norme a tutela degli animali, modificherà il codice penale per inasprire le sanzioni a carico di chi li maltratta e li uccide, rafforzerà la tutela penale per la fauna protetta: da 2 a 6 anni di reclusione e multe salatissime per chi uccide o cattura un esemplare protetto. Altro che la guerra a lupi ed orsi dichiarata dalla sinistra! Altro che i “distinguo” sulla “tenuità del fatto” quando viene malmenato un cane! Ci saranno sanzioni più gravi anche per i trafficanti di cuccioli, con maggiori controlli doganali e sul web e la radiazione dall’Albo dei veterinari compiacenti. Sarà regolato l’affido degli animali in caso di separazione dei coniugi o di morte del proprietario e saranno disciplinati i lasciti testamentari a favore dei nostri amici animali. E soprattutto, quando nel nuovo Parlamento si aprirà la sessione costituente, il presidente Berlusconi si è impegnato ad introdurre nella Carta costituzionale il riconoscimento degli animali come esseri senzienti e portatori di elementari diritti e ad istituire un Garante dei diritti degli animali, che vigilerà sulla corretta applicazione della normativa nazionale e dell’Ue.
Il governo che vogliamo, e che possiamo ottenere solo votando Forza Italia, realizzerà una svolta nella lotta contro il randagismo e per lo svuotamento dei canili attraverso campagne e risorse per il possesso responsabile, per le adozioni, per le sterilizzazioni. I canili-lager sono una vergogna e devono sparire! Il governo di Forza Italia darà finalmente il via ad una rivoluzione dell’accessibilità: nel rispetto dell’igiene e della scurezza, rimuoverà i divieti che limitano la libertà dei proprietari di animali. Chiuderà, dopo anni di balbettamenti e di esitazioni della sinistra, con lo sfruttamento degli animali, a cominciare dai circhi, dagli spettacoli, dalle manifestazioni popolari, per arrivare ai servizi di trasporto, all’allevamento per ricavare pellicce, alla caccia con i richiami vivi, alla promozione – vera, non a parole – di metodi alternativi alla vivisezione. Non siamo mica come i Cinque stelle, tutti chiacchiere e distintivo!
Il presidente Berlusconi si è impegnato a tutelare in ogni modo l nostro rapporto con gli amici a quattro zampe: sarà istituito un Servizio sanitario veterinario nazionale agevolato a beneficio degli animali d’affezione i cui proprietari risultano già esenti dal pagamento delle spese del SSN, saranno introdotte detrazioni delle spese sostenute per la loro cura e rideterminata verso il basso l’ aliquota iva sui farmaci, le spese veterinarie e gli alimenti, prevedendo l’esenzione totale per prestazioni veterinarie e di trasporto di animali in stato di necessità. Gli animali d’affezione spariranno dal redditometro: convivere con un animale non può essere in alcun modo considerato un lusso!
Dopo i disastri dei governi Renzi e Gentiloni, il governo che il presidente Berlusconi vuole dare al Paese ricostituirà un Corpo autonomo di polizia ambientale, per recuperare e valorizzare le professionalità del Corpo forestale dello Stato. Quest’anno, con il record di incendi, abbiamo visto che cosa significa indebolire il controllo e la prevenzione sul territorio: per risparmiare pochi milioni abbiamo subito miliardi di danni.
Il vecchio detto “gli assenti hanno sempre torto” vale in special modo quando siamo chiamati alle urne: non perdete l’occasione di cambiare e di dare rappresentanza a chi vuol tutelare tutti gli esseri senzienti in quanto tali. Grazie per il vostro sostegno!

Commenti

commenti