L'autunno di Green Hill

L'autunno di Green Hill

84
CONDIVIDI

Abbiamo avuto una estate magnifica: l’estate di Greenhill, l’indimenticabile estate in cui è diventato possibile quello che possibile non sembrava: la vittoria di Davide contro Golia, l’arroganza della Multinazionale a cui la Magistratura ha spuntato le unghie, lo sforzo corale delle Associazioni grandi e piccole, la risposta generosissima di chi ha voluto aprire la propria casa agli oltre 2400 cani grandi e piccoli salvati dalla morte, l’opinione pubblica che ci ha sostenuto con piena convinzione.
Oggi anche l’ultimo piccolo è uscito dall’inferno ed è entrato nel futuro felice di una vita degna di essere vissuta.
Tutti coloro che hanno reso splendida l’estate si meritano di avere uno splendido autunno.
L’autunno in cui auspichiamo una definizione degli affidi da trasformare in adozioni definitive. Quello in cui la tanto attesa approvazione dell’art.14 dell legge comunitaria liberi il nostro Paese dalla vergogna degli allevamenti della morte. Quello in cui nascere e crescere cani sia finalizzato alla vita e non alla morte. Quello in cui i parrucconi conniventi con i vivisettori, finalmente smascherati, imparino a vergognarsi.
Un autunno splendido. Ce lo meritiamo tutti. Sarà, speriamo, lo splendido autunno di Greenhill!

Commenti

commenti