SVIZZERA, REFERENDUM: SÌ A PISTE CICLABILI IN COSTITUZIONE

SVIZZERA, REFERENDUM: SÌ A PISTE CICLABILI IN COSTITUZIONE

133
CONDIVIDI

Piste ciclabili nella Costituzione federale: le due ruote hanno conquistato ieri in Svizzera l’approvazione di un’ampia maggioranza degli elettori, chiamati a votare – tra i vari referendum in agenda ieri nella Confederazione elvetica, sia a livello cantonale che federale – la proposta di iscrivere le vie ciclabili nella carta fondamentale. Iniziativa approvata dal 73,6% dei votanti, riferisce Swissinfo, con il ‘sì’ particolarmente forte nei cantoni latini (86% nel cantone di Vaud, 83% a Ginevra e l’82% a Neuchâtel). La percentuale dei favorevoli alle ciclabili nella Costituzione nel canton Ticino è stata del 75%, di poco inferiore ai Grigioni (76%).

Non è passato invece il referendum che proponeva “generi alimentari sani, prodotti nel rispetto dell’ambiente e in modo equo”, ovvero, in sostanza, prodotti alimentari di qualità, ottenuti nel rispetto dell’ambiente e degli animali, con condizioni di lavoro eque, preferendo le produzioni regionali e stagionali, cosa che aveva fatto parlare di una svolta “sovranista” del settore. Tra gli elettori, dopo un iniziale generalizzato favore, sembra aver prevalso il timore di un forte aumento dei prezzi (la prima ragione addotta dagli oppositori dell’iniziativa) e più del 61% dei votanti ha bocciato il quesito referendario proposto dal Partito ecologista svizzero.

Commenti

commenti