INDIA: UCCISA T-1, LA TIGRE MANGIATRICE DI UOMINI

INDIA: UCCISA T-1, LA TIGRE MANGIATRICE DI UOMINI

33
CONDIVIDI
tigre2012.png

Le organizzazioni per la difesa degli animali hanno perduto la loro battaglia: in India e’ stata abbattuta, al termine di una caccia durata tre mesi, una tigre che aveva sbranato 13 persone. T-1, come era stata ribattezzata la femmina di sei anni, dal 2016 terrorizzava i villaggi attorno alla giungla di Raleogan, nello stato centro-occidentale del Maharashtra. Per ucciderla è stata mobilitata una squadra di quasi 200 persone con l’ausilio di cani, telecamere e droni. Ne facevano parte anche un cecchino e un cacciatore esperto. Una pattuglia di ranger ha avvistato la tigre e le ha sparato un dardo con un tranquillante, ma il felino ha reagito attaccando la jeep e a quel punto e’ stato abbattuto con un colpo sparato da una decina di metri. Sulla tigre sarà’ eseguita un’autopsia. Nei paesi dell’area la notizia e’ stata accolta con festeggiamenti: ad agosto la tigre e i suoi due cuccioli di nove mesi avevano ucciso tre persone vicino al villaggio di Pandharkawada, nel distretto di Yavatmal. Inoltre era ritenuta responsabile della morte di altre 10 persone nell’arco di 20 mesi. Le organizzazioni protezioniste avevano chiesto che la tigre non venisse uccisa, ma la Corte suprema non accolto il loro ricorso. Durante la caccia, per stanare la tigre erano stati appesi cavalli e capre agli alberi ed era stato fatto persino un tentativo di attirarla diffondendo un profumo di Calvin Klein, “Obsession for Men”, che secondo un esperto attirerebbe i felini grazie a un feromone.

Commenti

commenti