CALIFORNIA, OK ALLA PROPOSITION 12: PIÙ SPAZIO PER GLI ANIMALI “DA FATTORIA”

CALIFORNIA, OK ALLA PROPOSITION 12: PIÙ SPAZIO PER GLI ANIMALI “DA FATTORIA”

17
CONDIVIDI

Martedì, in occasione della Midterm election, gli elettori della California hanno approvato ad ampia maggioranza (61,03 per cento) un provvedimento che richiede che entro il 2022 tutte le uova vendute nello Stato provengano da galline libere da gabbie.
La “Proposition 12” inoltre, vieta in California la vendita di carne di maiale e vitello da animali da allevamento allevati in gabbie che non soddisfano i nuovi requisiti minimi di taglia. Ciò significa che le nuove regole del Golden State si applicheranno agli agricoltori a livello nazionale le cui uova, carne di vitello e maiale vengono vendute in California.
I sostenitori affermano che la misura è un grande passo avanti verso pratiche agricole più umane, gli oppositori che è fuorviante e mantiene pratiche crudeli per gli animali.
Soprannominata “Legge sulla prevenzione della crudeltà nei confronti degli animali da fattoria”, la Proposition 12 si basa su una precedente misura, la Proposition 2, approvata nel 2008, che ha vietato di tenere galline, vitelli e maiali in gabbie così strette da impedire di reggersi in piedi,di sdraiarsi o di girarsi.
Quella misura è entrata in vigore nel 2015, ma senza requisiti dimensionali specifici e non applicabile agli agricoltori fuori dallo Stato i cui prodotti erano venduti in California.
La proposizione 12 specifica quanta superficie gli agricoltori devono dare a ciascun animale. A partire dal 2020, i vitelli confinati per la produzione dovranno aver almeno 4 metri quadrati di superficie utilizzabile, mentre i maiali riproduttori ne dovranno avere almeno 2,2 nel 2022. A partire dal 2020, alle galline ovaiole dovrà essere assegnato uno spazio di almeno 0,09 mq in attesa di passare alla condizione cage free entro il 2022.

Commenti

commenti