LIGURIA, RISCHIO INCIDENTI DI CACCIA? PETTORINE COLORATE AI FUNGAIOLI

LIGURIA, RISCHIO INCIDENTI DI CACCIA? PETTORINE COLORATE AI FUNGAIOLI

211
CONDIVIDI
cacciatorepreda.jpg

I cacciatori rischiano di centrare i cercatori di funghi? La prima soluzione che viene in mente è di far cessare le fucilate. La seconda è quella escogitata dalla Regione Liguria: obbligare i fungaioli a portare nei boschi pettorine rifrangenti, stile operaio stradale.
Ha superato infatti l’ultimo scoglio in Commissione regionale la proposta di legge che prevede l’obbligo di utilizzo di pettorine rifrangenti per i cercatori di funghi in Liguria in modo da renderli piu’ facilmente distinguibili ai cacciatori e individuabili in caso di smarrimento. La proposta presentata dal capogruppo di Forza Italia Angelo Vaccarezza e dal consigliere Claudio Muzio ha raccolto il benestare dei consorzi e delle associazioni dei raccoglitori di funghi in commissione. “L’introduzione della novita’ da una parte rendera’ visibili i cercatori funghi, e quindi rappresenta una misura di sicurezza, considerati gli incidenti che spesso accadono nei nostri boschi – ha detto il presidente di commissione Andrea Costa (Liguria Popolare) – Dall’altra la pettorina agevolera’ la ricerca dei fungaioli dispersi”. In commissione si e’ parlato anche dei consorzi. “I rappresentanti dei consorzi hanno unanimemente condannato i principi del disegno di legge del M5S che li avrebbe portati, di fatto, alla chiusura – dichiara Valter Ferrando (Pd) – Ricordo che dopo l’abolizione delle Province e delle Comunita’ Montane, i consorzi sono gli unici soggetti al servizio dei Comuni nella difesa dell’entroterra della Liguria”. “La nostra proposta non vuole assolutamente cancellare i Consorzi – replica Fabio Tosi (M5S) – Anzi mira a tutelare e difendere i Consorzi che hanno lavorato correttamente. Ci sono enti gestori che da 4 anni non rispettano la legge regionale, che prevede appunto una puntuale rendicontazione degli introiti”.

Commenti

commenti