CINA, RESTA ILLEGALE COMMERCIO DI PARTI DI TIGRE E RINOCERONTE

CINA, RESTA ILLEGALE COMMERCIO DI PARTI DI TIGRE E RINOCERONTE

53
CONDIVIDI

La Cina manterra’ il divieto di utilizzare parti di tigre e corno di rinoceronte per il commercio di oggetti di antiquariato e per la medicina tradizionale. La possibile legalizzazione del commercio e’ stata rinviata. Nei giorni scorsi il WWF aveva manifestato preoccupazione per l’annuncio della Cina di legalizzare sia l’uso di parti di tigre e corno di rinoceronte prelevati da animali allevati in cattivita’, che il commercio interno di oggetti antichi ricavati da queste due specie a drammatico rischio di estinzione, invitando il governo a mantenere in atto il bando. “Il WWF ha accolto con piacere la notizia del rinvio, da parte della Cina, dello stop al bando del commercio interno di corno di rinoceronte e ossa di tigre – ha affermato Margaret Kinnaird, leader del WWF Wildlife Practice-. La Cina ha risposto positivamente alle reazioni internazionali: permettere il commercio di parti, prese anche da animali in cattivita’, avrebbe potuto avere un impatto devastante sulle popolazioni di rinoceronti e tigri. Questa mossa aiuta a mantenere il ruolo di leadership che la Cina ha assunto nell’affrontare la lotta al commercio illegale di animali selvatici e nel ridurre la domanda del mercato. Sia le ossa di tigre che il corno di rinoceronte, ricorda il WWF, sono stati rimossi dalla farmacopea della medicina tradizionale cinese nel 1993 e la Federazione Mondiale delle Societa’ di Medicina Cinese ha rilasciato una dichiarazione nel 2010 che esorta i membri a non utilizzare le ossa di questo felino minacciato o altre parti di specie in via di estinzione. La Cina ha gia’ dimostrato una forte leadership a sostegno della conservazione delle tigri selvatiche. Il governo cinese, poi, ha compiuto notevoli sforzi per salvaguardare la popolazione di tigri nella regione nord-orientale del Paese, istituendo di recente il Tiger and Leopard National Park, 1,6 volte piu’ grande del parco nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti. Durante il Forum sul vertice di cooperazione Cina-Africa (FOCAC), che si e’ tenuto in Cina lo scorso settembre, la Cina e gli Stati africani hanno emanato il Piano d’azione di Pechino, con cui si sono impegnati a “combattere congiuntamente il contrabbando di specie in via di estinzione e dei prodotti ricavati dalle loro ossa”. Adempiere a questi impegni contribuira’ a rafforzare l’immagine della Cina a livello internazionale e la sua collaborazione con i Paesi in cui vivono rinoceronti e tigri in Africa e in Asia, nel contesto dell’iniziativa cinese “Belt & Road”. Cosi’ in un comunicato il WWF.

Commenti

commenti