LNDC: PETIZIONE PER LEGGE CONTRO GLI AVVELENAMENTI

LNDC: PETIZIONE PER LEGGE CONTRO GLI AVVELENAMENTI

24
CONDIVIDI

Il 10 dicembre si celebra come ogni anno la Giornata Internazionale per i Diritti Animali, una ricorrenza fissata nella stessa data della stesura della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani per estendere i concetti di giustizia, libertà e rispetto a tutte le specie viventi. Quest’anno, in occasione di questa giornata, LNDC Animal Protection lancia la petizione #Maipiù per chiedere una legge contro la preparazione e l’uso di esche e bocconi avvelenati che uccidono ogni anno centinaia di animali. “Attualmente questa ‘usanza’ criminale è regolamentata e sanzionata da un’ordinanza del Ministero della Salute che da alcuni anni viene rinnovata ma che non basta ad arginare il problema” si legge in una nota. “Le violenze sugli animali sono purtroppo all’ordine del giorno”, ricorda Piera Rosati, presidente LNDC Animal Protection, “ma l’avvelenamento resta il modo più subdolo, vigliacco e crudele per uccidere. L’animale, attirato dalla fame, mangia fiducioso il boccone che poi in realtà lo porterà a morire tra sofferenze davvero atroci e una lenta agonia. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’escalation di questo genere di uccisioni e abbiamo denunciato tantissimi casi in tutta Italia”. “Pensiamo sia necessario che lo Stato si doti finalmente di una legge nazionale che recepisca e rafforzi i contenuti dell’ordinanza ministeriale attualmente in vigore e che stabilisca più efficaci sanzioni penali e amministrative, costituendo un vero deterrente per questo tipo di condotte. Allo stesso tempo, è opportuno che venga garantita una efficace tracciabilità di chi acquista tutti quei veleni facilmente reperibili sul mercato, come i topicidi e i lumachicidi, in modo da agevolare le indagini” commenta Michele Pezone, responsabile LNDC Diritti Animali.

Commenti

commenti