RAGAZZA FA SURF SULLO SQUALO BALENA, SCANDALO NELLE FILIPPINE

RAGAZZA FA SURF SULLO SQUALO BALENA, SCANDALO NELLE FILIPPINE

82
CONDIVIDI
squalo.jpg

Animalisti indignati per una sequenza pubblicata su Facebook

Ambientalisti e animalisti su tutte le furie nelle Filippine per una foto su Facebook che ritrae una ragazza sopra uno squalo balena appena catturato. La giovane, Carinn Lestolis, la sua famiglia e altri turisti raccolti attorno allo squalo, legato per la coda, nelle acque di Barangay Granada a Boljoon. La gente circonda il pesce lungo tre metri mentre i pescatori lo bloccano. E la ragazza viene aiutata a salire sul dorso come se fosse una tavola da surf. Lo squalo gigante, che si nutre di piante molto piccole e di piccoli animali, è stato preso con una rete da pesca, stando a quanto fa sapere Cebu Daily News.
Un pescatore, Pablo Trapero, ha chiesto che lo squalo venisse trainato in acque meno profonde per poi poterlo liberare. Mentre il Sun Star ha rivelato che un uomo avrebbe pagato 100 pesos, quasi due euro, per tenerlo legato in modo tale che i turisti potessero vederlo.
Poi, secondo Maylyn Avenido, dell’Agenzia filippina delle risorse acquatiche ed ittiche, lo squalo è stato soggetto ad un’esperienza traumatica per due ore e mezza prima di essere lasciato libero. Avenido ha descritto la scena come una “festa”. “I bambini saltavano sull’acqua toccando lo squalo balena su tutto il corpo – ha raccontato al Sun Star –. Mettevano le mani addosso all’animale e stavano in acqua con lui. Li ho minacciati dicendo che avrei chiamato la polizia se non avessero lasciato libero lo squalo. Solo in quel momento si sono allontanati da lui”.
Avenido ha notato che lo squalo balena ha ricevuto ferite alla coda e vicino alla testa. E ha detto:
“Benché fosse stato liberato, l’animale era probabilmente sotto sforzo e disorientato per poter nuotare in maniera tranquilla in acque più profonde”.
Per via della loro natura pacifica, gli squali sono diventati un’attrazione turistica popolare nelle Filippine. Ma il consiglio turistico nazionale è attento alla protezione degli animali e chiede alla gente di non toccarli e di stare ad una distanza di almeno tre metri da loro.
Comunque, si vedono sempre più spesso i pescatori attirare gli squali vicino alla riva con il cibo per accontentare i turisti della zona. Ma gli ambientalisti sono preoccupati, perché credono che ciò sconvolgerà i percorsi di migrazione degli squali balena.
La ragazza fotografata sul dorso della creatura ha ammesso di non sapere che fosse sbagliato toccare lo squalo balena: “Tutti sappiamo che non dovremmo fare loro del male”. Ma la biologa marina Agnes Sabonsolin, che lavora alla Fondazione per l’educazione e la conservazione costiera, ha detto che gli squali balena hanno bisogno di muoversi per poter respirare: “Devono essere costantemente in movimento cosicché l’acqua passi attraverso le loro branchie: ecco come assumono ossigeno”.
Il governo ha ora promesso leggi più aspre alla luce dell’incidente. Il sindaco di Boljoon, Teresita Celis, si è scusata e ha dichiarato all’Inquirer News che intende spingere per regole più stringenti per proteggere gli squali balena.

Commenti

commenti