MANOVRA, SPESE VETERINARIE: RESPINTO L’EMENDAMENTO BRAMBILLA

MANOVRA, SPESE VETERINARIE: RESPINTO L’EMENDAMENTO BRAMBILLA

291
CONDIVIDI
montecitorio.jpg

La commissione Bilancio della Camera, la notte scorsa, ha respinto, con i voti della maggioranza, l’emendamento alla manovra 14.012 Brambilla, l’ultimo superstite del pacchetto di modifiche “animaliste”, che mirava ad aumentare fino a 190 euro il limite di detraibilità delle spese veterinarie (fermo da quasi vent’anni a circa 49 euro). L’emendamento era stato “segnalato”, e quindi posto al voto, su richiesta del gruppo di Forza Italia.

Commenti

commenti