LOTTERIE: NEL 2017 CALANO LE SCOMMESSE SUI CAVALLI

LOTTERIE: NEL 2017 CALANO LE SCOMMESSE SUI CAVALLI

12
CONDIVIDI
ippodromo.png

Dopo la crescita dell’11,7% nella spesa per i giochi, che era stata registrata nel 2016 rispetto all’anno precedente, il 2017 ha visto un freno nella spesa del settore, segnando un calo dell’1%. Tra i singoli giochi – secondo un’elaborazione Agimeg su dati Adm del Libro Blu 2017 -, calano gli apparecchi comma 7 (-40,7%), il poker cash (-45,7%), il Lotto (-21%), i giochi numerici a totalizzatore (-15,2%) ed i giochi a base ippica (-11,1%). In crescita, seppure meno marca rispetto agli anni precedenti, invece vlt (+2,9%), betting exchange (+50%), bingo (+2,4%), casinò games (+46,6%), poker a torneo (+29,7%), scommesse sportive (+43,3%) e le scommesse virtuali (+22,5%). Stabili le Lotterie (+0,3%) e gli apparecchi da intrattenimento (+0,9%). In calo anche il gettito per l’Erario, passato dai 10,1 miliardi del 2016 ai 9,8 del 2017, con un decremento di quasi il 3%. Tra i “migliori” contribuenti, gli apparecchi da intrattenimento, con 4,7 miliardi di euro (+2,1% rispetto al 2016), vlt, con 1,4 miliardi (+8%), i casinò games, con 114 milioni (+48%) e le scommesse sportive, con 269 milioni (+42%). Oltre 2,5 miliardi di euro sono arrivati invece dal Lotto e dalle lotterie istantanee ed in differita, entrambi i settori però in calo rispetto al 2016.

Commenti

commenti