ASSOCIAZIONE VITTIME CACCIA DENUNCIA LEZIONE VENATORIA A SCUOLA

ASSOCIAZIONE VITTIME CACCIA DENUNCIA LEZIONE VENATORIA A SCUOLA

40
CONDIVIDI
caccia.png

“L’Associazione Vittime della caccia desidera portare a Vostra conoscenza quanto accaduto nella Scuola primaria di Crotonei, in provincia di Crotone, venerdì 16 Novembre dove si è svolto il primo incontro con alcuni cacciatori rappresentanti della Federazione Italiana della Caccia (FIDC) e i bambini. In pratica un’associazione di cacciatori è stata invitata a tenere lezioni di “ambiente, ecologia e fauna””. A scriverlo è il vice-presidente dell’Associazione Vittime della Caccia, Maurizio Giulianelli, in una lettera indirizzata al ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, a quello dell’Ambiente Sergio Costa e alla presidente della Commissione Infanzia, Licia Ronzulli.

“Non possiamo che esprimere tutta la nostra indignazione – aggiunge Giulianelli –  mista a preoccupazione, per quanto sopra detto. Lezioni sulla “caccia buona”, che è come dire “la guerra buona”, il massimo degli ossimori, ci appare non solo fuorviante ma anche di un cinismo allarmante, perorata poi su inconsapevoli bambini, appare quanto mai spregiudicata e fuori luogo. L’immagine autoreferenziale del “cacciatore ambientalista” che ripulisce gli stradelli e addirittura si arroga il merito di salvare la biodiversità rappresenta il massimo della falsità e dell’ipocrisia. E’ bene ricordare che: La caccia ha provocato l’estinzione di 200 specie e ne ha messo a rischio altre 400 , ha avvelanato il terreno, l’acqua e gli animali con il piombo, che l’OMS ha definito “il peggiore dei problemi ambientali del mondo”. Tant’è che secondo la Conferenza di Quito dovrà essere bandito entro brevissimo tempo”.

“L’Italia – si legge sempre nella lettera – è costantemente posta in posizione di grave infrazione rispetto alle normative comunitarie in materia di tutela della fauna selvatica, proprio a causa di un’attività venatoria sempre più pervasiva ed incontrollata, seppur esercitata da sempre meno persone e sempre più anziani. Come se non bastasse l’accanimento su fauna e flora, durante la stagione venatoria le vittime umane della caccia costituiscono un elenco che cresce drammaticamente nelle statistiche stagionali”.

“Al di là di ogni falsità e ipocrisia , riteniamo quindi che sia a dir poco irresponsabile autorizzare e promuovere incontri sul tema della caccia nelle scuole e mistificatorio raccontare favole ai bambini dove i fucili non fanno male e dove la caccia è cultura, svago e divertimento. La caccia è solo MORTE”.

Commenti

commenti