ANIMAL EQUALITY: 120MILA FIRME CONTRO LA CRUDELTÀ NEI MACELLI

ANIMAL EQUALITY: 120MILA FIRME CONTRO LA CRUDELTÀ NEI MACELLI

681
CONDIVIDI

Centinaia di migliaia di cittadini italiani chiedono “la fine delle crudelta’ e delle illegalita’ nei macelli italiani”, e sollecitano “una riforma legislativa definitiva” al riguardo: a confermarlo sono le 120mila firme raggiunte in poche ore dalla petizione di Animal Equality rivolta ai ministri della Salute e dell’Agricoltura. Lo afferma l’organizzazione internazionale dedicata alla protezione degli animaliallevati a scopo alimentare, che dall’inizio di quest’anno ha diffuso video e testimonianze che mostrano quello che avviene all’interno dei macelli italiani. Nell’ultimo video, spiega Animal Equality, ci sono “operatori che maltrattano gli animali spingendoli e tirandoli con violenza, operatori che colpiscono i bovini in testa con una forca e una spranga, animali bendati in maniera inadeguata e terrorizzati, animali macellati senza stordimento efficace, animali sgozzati ancora coscienti e lasciati ad agonizzare per interi minuti”. La campagna sui macelli, supportata da testimonianze ottenute tramite investigazioni e la collaborazione con informatori esterni all’organizzazione, “mette in luce ancora una volta i gravissimi buchi normativi, la mancanza di conseguenze penali concrete per chi infrange la legge e la totale assenza di controlli severi all’interno dei macelli”. Molti paesi europei, spiega Matteo Cupi, direttore esecutivo di Animal Equality Italia, hanno “cancellato le deroghe per la macellazione religiosa, come Austria e Danimarca, o introdotto telecamere a circuito chiuso, come avviene in Gran Bretagna e in via sperimentale anche in Francia. Anche i politici italiani hanno il dovere di far applicare le norme e di migliorare l’impianto legislativo che regola la macellazione, che avviene in luoghi a porte chiuse all’interno dei quali, al momento, non si sa davvero se le leggi italiane vengano rispettate”.

(Foto di repertorio)

Commenti

commenti