DL SEMPLIFICAZIONI, LAC: NO AD EMENDAMENTI “SPARATUTTO”

DL SEMPLIFICAZIONI, LAC: NO AD EMENDAMENTI “SPARATUTTO”

285
CONDIVIDI
cacciatorepreda.jpg

La Lega per l’Abolizione della caccia (LAC) chiede che siano dichiarati inammissibili e respinti alcuni emendamenti al decreto Semplificazioni presentati al Senato da un gruppo di parlamentari leghisti, definiti “emendamenti spara-tutto”. Gli emendamento secondo la Lac prevedono di “trasformare le attuali aziende faunistico-venatorie (che oggi per legge devono essere senza scopo di lucro) in riserve di caccia a scopo di lucro; aggirare l’obbligo di annotazione immediata sul tesserino venatorio regionale dell’animale selvatico appena ucciso; consentire ai privati cacciatori di soppiantare numericamente, nel controllo faunistico delle specie problematiche in agricoltura, gli agenti venatori delle Province; blindare le cacce in deroga ai piccoli uccelli protetti, consentendo alle Regioni di fissarle con legge regionale; sostituire i pareri consultivi obbligatori dell’ISPRA con quelli di istituti od osservatori regionali”. “Come una sorta di sberleffo al ‘contratto di governo’ tra Lega e M5S, che in materia di fauna selvatica prevede solo azioni per il contrasto al bracconaggio – scrive la Lac in un comunicato -, si sta maldestramente cercando di usare il decreto-legge ‘Semplificazioni’ per introdurre alcune forme di deregulation della caccia e della gestione faunistica”. Per la Lac “e’ ora di porre fine a questi bassi stratagemmi, tesi soltanto ad infilare alla chetichella dentro provvedimenti legislativi forme di deregulation della caccia che nulla hanno a che spartire con i temi della buona amministrazione e dell’aiuto alle imprese”.

Commenti

commenti