TRIVELLE, COSTA: DA ME NO A NUOVI PERMESSI

TRIVELLE, COSTA: DA ME NO A NUOVI PERMESSI

30
CONDIVIDI
trivelle.jpg

“Tutte le richieste di permessi di trivellazione che arriveranno sulla scrivania del ministro dell’Ambiente Costa non verranno firmate”. Cosi’ fonti del ministero commentano le affermazioni di stamani dei Verdi su di un presunto ok a 15 nuove trivellazioni contenuto nell’accordo fra Cinquestelle e Lega. Il Ministero ribadisce che il ministro Costa ha gia’ espresso la sua intenzione di non firmare nuove autorizzazioni.

“Sono soddisfatto dell’accordo nella misura in cui questi 18 mesi serviranno per arrivare a un No Triv che pero’ sia un si’ per qualcos’altro. Io sono per il si’ alle energie rinnovabili, parlo del solare, dell’eolico, dell’elettrico in generale. Utilizziamo questi 18 mesi perche’ nessuno ‘possa soffrire’, rispetto a posti di lavoro e altro, ma si possa andare oltre. Un posto di lavoro che proviene dal mondo del fossile corrisponde a dieci posti di lavoro nelle energie rinnovabili. Noi siamo per un nuovo lavoro senza far perdere lavoro a nessuno, ma tutelando il nostro territorio”. Cosi’ il ministro dell’Ambiente Sergio Costa sull’accordo raggiunto tra Lega e M5s a margine della presentazione dei risultati della campagna nazionale di sensibilizzazione nelle scuole in corso nell’auditorium del ministero a Roma.

“E’ piu’ saggio dedicarci a trivellare a spron battuto i nostri mari o proseguire la transizione verso le energie rinnovabili dove primeggiamo? Non conviene continuare su questo percorso e vedere se i permessi concessi tanti anni fa sono ancora attuali per la nostra politica energetica?”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte al congresso del Movimento cristiano lavoratori.

Commenti

commenti