LOMBARDIA, CODACONS: “NO ALLA CACCIA AI CINGHIALI CON ARCO E FRECCE”

LOMBARDIA, CODACONS: “NO ALLA CACCIA AI CINGHIALI CON ARCO E FRECCE”

62
CONDIVIDI
cinghiali.png

Il Codacons della Lombardia si schiera contro l’utilizzo di archi e frecce per la caccia al cinghiale. In consiglio regionale, ieri, è stata approvata una mozione della Lega per permettere di utilizzare l’arco nella caccia agli animali selvatici che rappresentano una minaccia per sicurezza e agricoltura. “Ci schieriamo con il M5S lombardo, che ha fortemente criticato la mozione, la quale promuove un pieno ritorno alle barbarie, consentendo la presenza di cacciatori-arcieri che si aggirano per abbattere gli animali”, scrive l’associazione dei consumatori in una nota. “Non sono queste le soluzioni che la politica può adottare per far fronte all’emergenza cinghiali, necessario si limitare il numero crescente di animali, ma di certo abbatterli senza limiti ed in modo barbaro non è la soluzione”. Secondo il Codacons, è necessario “adottare mezzi di contenimento solidi, e rinforzare le barriere che impediscano agli animali di creare danni, queste devono essere le soluzioni”, ha concluso il Codacons.

Commenti

commenti